Home » Variante Omicron, una buona notizia arriva dal Sudafrica 

Variante Omicron, una buona notizia arriva dal Sudafrica 

Il Covid-19 continua a preoccupare l’Europa e non solo. I casi sono in continua crescita e l’unica arma a disposizione è il vaccino, ma non tutti sono favorevoli alla somministrazione. In queste ore è la nuova variante Omicron a preoccupare. Essa è più contagiosa della variante Delta, appare caratterizzata da tempi di incubazione ridotti e può provocare conseguenze simili ad un malanno stagionale nei soggetti vaccinati. Buone notizie, però, sulla variante Omicron arrivano dal Sudafrica. Vediamo nello specifico di che cosa si tratta. (Continua a leggere dopo la foto)

Variante Omicron, una buona notizia arriva dal Sudafrica

Nonostante la variante Omicron stia preoccupando l’intera Europa e non solo, dal Sudafrica sono giunte delle buone notizie. Dalle pagine del New York Times si legge: «Il Sudafrica mette fine alle quarantene e al tracciamento dei contatti. Sostenuto dai dati incoraggianti che mostrano che le infezioni della variante Omicron non sono così gravi, il Sudafrica ha eliminato le restrizioni di quarantena per tutti tranne le persone sintomatiche». E ancora: «Ciò include consentire alle persone che sono risultate positive ma non mostrano sintomi di riunirsi con gli altri, purché indossino una maschera e la distanza sociale. È probabile che ci siano molte persone infette che socializzano con gli altri e non aveva più senso mettere in quarantena solo coloro che si sono sottoposti al test». Dati questi apparentemente positivi, ma bisogna ancora mantenere alta la guardia. (Continua a leggere dopo la foto)

Si inizia a vedere la luce alla fine del tunnel?

Che dire? Le notizie giunte dal Sudafrica sulla variante Omicron sembrano essere decisamente positive. Inoltre, il New York Times ha spiegato anche che l’infezione sta diventando endemica, sempre più simile a una influenza: «Un’accettazione del fatto che molti paesi in tutto il mondo avranno probabilmente bisogno di trovare un modo per convivere con il Covid, piuttosto che evitarlo. I casi sono aumentati vertiginosamente, ma poco più del 5% ha portato a ricoveri ospedalieri».

Influenza e Covid: quali sono le differenze e a cosa fare attenzione