Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Alex Zanardi, triste ricorrenza: 21 anni fa il terribile incidente

Alex Zanardi, triste ricorrenza: 21 anni fa il terribile incidente

Il 15 settembre 2022 c’è stata una triste ricorrenza per Alex Zanardi e per tutti gli amanti dello sport. Ventuno anni fa, infatti, ci fu il terribile incidente, che ha segnato per sempre la carriera dell’ex pilota automobilistico. È stato quasi sicuramente un giorno triste per Zanardi, per la sua famiglia e per tutti quelli che da anni seguono con passione lo sport, in particolare quello praticato da Zanardi. (Continua dopo la foto…)

Come sta Alex Zanardi a più di un anno dal terribile incidente

Chi è Alex Zanardi

Alex Zanardi è un famoso pilota e paraciclista, oltre che conduttore televisivo. È nato a Bologna il 23 ottobre 1966 e nell’automobilismo si è laureato campione CART nel 1997 e 1998, campione italiano superturismo nel 2005. Nel paraciclismo, invece, ha conquistato quattro medaglie d’oro ai Giochi paralimpici di Londra 2012 e Rio 2016, e otto titoli ai campionati mondiali su strada.

Il 19 giugno 2020, durante una staffetta di beneficenza in handbike, Zanardi è stato coinvolto in un grave incidente sulla Statale 146 a Pienza, in provincia di Toscana. Il pilota avrebbe perso il controllo del veicolo, scontrandosi contro un camion. Trasportato d’urgenza al policlinico Le Scotte di Siena,  è stato immediatamente sottoposto ad un intervento neurochirurgico e maxillo-facciale. Per qualche giorno è rimasto in terapia intensiva ed ha lottato tra la vita e la morte. Dopo un po’ fortunatamente è uscito fuori pericolo di morte ed è stato trasferito in una struttura di eccellenza, Villa Beretta, a Costa Masnaga, e poi nuovamente all’ospedale San Raffaele di Milano. (Continua dopo la foto…)

Padova, morto il vigile che scortava il team handbike di Zanardi

La triste ricorrenza

Il 15 settembre è una triste ricorrenza per Alex Zanardi. Ventuno anni fa, era il 2001, il pilota rimase coinvolto in un brutto incidente. Sulla pista di Lausitzring, a tredici giri dalla fine, Zanardi perse improvvisamente il controllo della vettura, che, dopo un testacoda, si intraversò lungo la pista, mentre sulla stessa linea sopraggiungevano ad alta velocità Patrick Carpentier e Alex Tagliani. Il secondo non riuscì ad evitare lo scontro e l’impatto fu violentissimo: la vettura di Tagliani colpì perpendicolarmente la vettura di Zanardi all’altezza del muso, spezzandola in due.

Il pilota apparve subito in condizioni disperate e lo schianto provocò l’amputazione di entrambi gli arti inferiori. Zanardi rischiò addirittura di morire dissanguato e per salvargli la vita, Steve Olvey, capo dello staff medico della CART, “tappò” le arterie femorali del pilota per tentare di fermare la grave emorragia.

alex zanardi come sta

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004