Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“E’ volato via”. Fiorello in lacrime: il lutto in diretta

Viva Rai2 Fiorello lutto

PERSONAGGI TV. Fiorello in lutto ha voluto dedicare un omaggio al famoso regista durante la puntata di Viva Rai 2 andata in onda il 4 maggio su Rai Due. Il conduttore ha introdotto il ricordo del regista scomparso il giorno prima, definendolo un “grande regista e grande amico”.

Leggi anche: Lutto nel mondo dello sport: addio a Vieri Angelucci

Leggi anche: Calcio italiano in lutto, addio all’amato campione: resterà sempre nel cuore di tutti

Amadeus Fiorello

Il famoso regista Alessandro D’Alatri è morto

Fiorello oggi in lutto ricorda il famoso regista Alessandro D’Alatri. Durante la diretta di Viva Rai 2 andata in onda il 4 maggio su Rai Due condivide un aneddoto personale sulla loro conoscenza: “L’ho conosciuto nel 1988. Ero appena arrivato a Milano, sono andato subito a casa di Jovanotti. Lo conobbi lì”. Il conduttore ha poi mandato un abbraccio alla famiglia di D’Alatri, visibilmente commosso. Alessandro D’Alatri era un regista e sceneggiatore romano, noto per film come “La Febbre”, “Casomai” e “Senza pelle”. Tra i suoi lavori più recenti c’è la serie televisiva “Il commissario Ricciardi”, tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni. “Alessandro era un grande regista, uomo di cultura, persona dolce, generosa, scopritore di talenti e compagno di lavoro fantastico. Peraltro ci chiamiamo tutti e due Alessandro e siamo nati lo stesso giorno, 24 febbraio, sia pure in anni differenti”, commenta Alessandro Gassmann.

Leggi anche: Lutto a Mediaset, addio allo storico volto

Leggi anche: Italia in lutto: è morto il senatore di Fratelli d’Italia

Alessandro D'Alatri

Fiorello in lutto rende omaggio

Fiorello rende omaggio al famoso regista durante la puntata di oggi di Viva Rai2 su Rai due. Alessandro D’Alatri è morto nella notte tra il 2 e il 3 maggio, lasciando un vuoto nella cultura e nell’arte italiane. Il conduttore, visibilmente commosso, ha voluto dedicare un pensiero all’amico scomparso, definendolo un “grande regista e grande amico”. Fiorello ha poi raccontato un aneddoto sulla loro conoscenza, risalente al 1988, quando entrambi si trovavano a casa di Jovanotti, appena trasferitosi a Milano. “Lo conobbi lì”, ha ricordato.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure