Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Addio a Franco Gatti: le cause della morte del cantante dei Ricchi e Poveri

Addio a Franco Gatti: le cause della morte del cantante dei Ricchi e Poveri

Personaggi tv, Franco Gatti cause morte: che malattia aveva – Come è morto Franco Gatti dei “Ricchi e Poveri”? Quali sono state le cause del decesso del cantante scomparso oggi, martedì 18 ottobre 2022, a Genova? Chiariamo subito che i motivi non sono stati resi noti ufficialmente. Ad annunciare la drammatica notizia sono stati i colleghi e la famiglia: “È andato via un pezzo della nostra vita. Ciao Franco”, il saluto toccante. Ad ogni modo sappiamo che Gatti era affetto dal morbo di Crohn. In collegamento con il programma Rai di Eleonora Daniele «Storie Italiane», ne aveva fatto parola lui stesso: l’artista aveva chiarito che dopo aver preso il Covid, nel 2020, le sue condizioni si erano aggravate. Leggi anche l’articolo —> Il rapper Mikaben morto sul palco durante un concerto: aveva 41 anni

Addio a Franco Gatti: le cause della morte del cantante dei Ricchi e Poveri

Franco Gatti, uno dei fondatori del quartetto vocale originario, che ha poi dato vita al trio de I Ricchi e Poveri, se n’è andato a 80 anni nella sua Genova. Una vita la sua caratterizzata da una carriera lunga e costellata di successi, ma segnata anche da un evento doloroso. Il 3 febbraio 2013, infatti, è venuto a mancare il figlio. Alessio, 22 anni, è stato trovato morto nella sua casa di via Capolungo a Nervi. Proprio quella sera, i Ricchi e Poveri avrebbero dovuto tenere un’esibizione sul palco dell’Ariston di Sanremo, per il Festival. “Mi hanno appena detto che è mancato il figlio di Franco Gatti. E quindi ovviamente stasera non ci saranno”, aveva annunciato commosso Fabio Fazio alla sala stampa. (continua a leggere dopo le foto)

La sofferenza per la morte del figlio Alessio

“Ho inculcato a mio figlio, fin da piccolo, la paura delle droghe. Voglio sperare che Alessio sia morto per cause naturali e non per droga. Aspetto l’esito dell’autopsia ma se la droga non c’entra, querelerò chi ha attribuito il decesso all’uso della cocaina”, aveva dichiarato Franco Gatti. Dopo i controlli effettuati dalla Procura di Genova la conferma: sarebbe stato proprio un mix di alcol e droga ad uccidere il figlio di Gatti e della moglie Stefania Picasso. Fino all’ultimo però l’artista ha negato che il figlio fosse tossicodipendente. In una trasmissione di qualche anno fa, tra le lacrime, come ricorda «Repubblica» oggi, il cantante aveva detto: “Ci rincontreremo”. Quel dolore per il figlio era troppo grande, insopportabile. (continua a leggere dopo le foto)

L’allontanamento dalle scene: “Non me la sento più”

La scomparsa di Alessio lo ha portato via via ad abbandonare le scene. Da tempo Gatti si era allontanato dal gruppo, che gli aveva dato fama e successo. “Dopo che mio figlio Alessio è mancato, la mia vita è cambiata. Io sono diverso, sul palco prima mi prendevo in giro, scherzavo sui miei baffi, sul nasone, facevo lo scemetto. Ora non me la sento più”, le sue emozionanti parole. (continua a leggere dopo le foto)

Franco Gatti, le cause della morte: di cosa soffriva

In una delle ultime interviste, come dicevamo in apertura, il popolare baffo, come lo aveva soprannominato Califano, aveva raccontato la sua malattia: “Il Covid mi ha risvegliato il morbo di Crohn che ho avuto da ragazzo e che era sparito per 30 anni. Sono stato curato dal dottor Furnari con del cortisone, che ha fatto bene da una parte e male dall’altra, perché mi ha fatto venire la candida nello stomaco e un piccolo herpes. Mi ha quindi guarito Matteo Bassetti, con il quale dovremo prima o poi trovarci a cantare una canzone insieme“. Leggi anche l’articolo —> Morto Franco Gatti dei “Ricchi e Poveri”

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure