Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Addio alla Regina Elisabetta: è la fine di un’epoca

Addio alla Regina Elisabetta: è la fine di un’epoca

Di Cristina La Bella. «Il London Bridge è crollato». La notizia di un peggioramento del suo stato di salute ha tenuto col fiato sospeso tutto il mondo. Poco fa il drammatico annuncio, che segna la fine di un’epoca. Nei giorni scorsi la Regina Elisabetta era stata posta “sotto controllo medico”. L’aveva reso noto Buckingham Palace, in un raro comunicato di questo tipo, nel quale si faceva presente che i medici fossero seriamente preoccupati per le condizioni della sovrana. La monarca aveva chiesto espressamente di trascorrere i suoi ultimi giorni a Balmoral. L’entourage di sua Maestà aveva avvertito prontamente i familiari, che si erano precipitati al capezzale. Il figlio erede al trono Carlo, la consorte Camilla prima, e a seguire i nipoti. Oggi diciamo addio ad uno dei personaggi più importanti della storia. Insediatasi ai tempi di Churchill, Elisabetta II era una delle nostre certezze. E pensare che Lilibeth, come la chiamava teneramente il principe consorte, non doveva essere regina. Con profondo senso di responsabilità accettò il suo destino: «Dichiaro davanti a tutti voi che tutta la mia vita, lunga o breve che sia, sarà dedicata al vostro servizio e al servizio della nostra grande famiglia imperiale a cui tutti apparteniamo», disse nel ’47. Una promessa mantenuta fino all’ultimo respiro. (continua a leggere dopo le foto)

leggi anche l’articolo —> Regina Elisabetta II, l’annuncio improvviso: “Presto diventerà Re”

Addio alla Regina Elisabetta: è la fine di un’epoca

Elisabetta II (nata Elizabeth Alexandra Mary a Londra il 21 aprile 1926) è stata la regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e degli altri reami del Commonwealth. Figlia maggiore del Duca di York, re con il nome di Giorgio VI, e di sua moglie Elisabetta, prima Duchessa di York e poi regina consorte, è diventata erede al trono nel 1936, anno dell’abdicazione di suo zio Edoardo VIII. Dopo aver servito nella Auxiliary Territorial Service durante la seconda guerra mondiale, nel 1947 ha sposato il principe Filippo Mountbatten. Dalla loro unione quattro figli: Carlo, principe del Galles, Anna, principessa reale, Andrea, duca di York, ed Edoardo, conte di Wessex. (continua a leggere dopo le foto)

È diventata regina a soli 25 anni: era il 6 febbraio del 1952

Divenuta regina all’età di venticinque anni, alla morte del padre, il 6 febbraio 1952, venendo poi incoronata il 2 giugno 1953 nell’Abbazia di Westminster, Elisabetta II ha assistito durante il suo regno a numerosi eventi. Ricordiamo, tra i tanti, la vicenda del rimpatrio della costituzione canadese, la decolonizzazione in Africa con il rafforzamento del Commonwealth e la pandemia da Covid-19. Il suo regno è stato il più lungo di tutta la storia britannica, avendo superato il 9 settembre 2015 il precedente record detenuto dalla sua trisavola Vittoria di 63 anni, 7 mesi e 2 giorni (pari a 23 226 giorni). Esso è il più lungo in assoluto per una regina. Elisabetta II è stata anche sovrana di Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Belize, Canada, Grenada, Giamaica, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Isole Salomone e Tuvalu, oltre che governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra, comandante in capo delle forze armate, Signora dell’Isola di Man e regina  di Jersey e Guernsey. (continua a leggere dopo le foto)

Per durata il regno di Elisabetta II viene soltanto dopo quello del Re Sole

Il suo regno ha visto 15 primi ministri del Regno Unito e ancor più vari primi ministri e governatori degli altri stati membri del Commonwealth delle nazioni. Per la sua durata, il regno di Elisabetta II è al secondo posto nella classifica dei regni più lunghi della storia, dietro solo a quello del Re Sole, Luigi XIV di Francia; è stata anche il Capo di Stato in carica da più tempo, dopo la morte di Rama IX di Thailandia, avvenuta il 13 ottobre 2016. (continua a leggere dopo le foto)

Morta la regina Elisabetta: la sovrana si è spenta a Balmoral

Una leggenda vivente, a cui il cinema ha spesso reso omaggio negli anni: una giovane e forzuta Regina Elisabetta II appare in forma animata nel film Minions del 2015, la cui trama è incentrata sul furto della sua Corona Reale. La sovrana ha invece recitato per la prima volta nel 2012 nel cortometraggio di Danny Boyle “Happy and Glorious”, realizzato in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi della XXX Olimpiade di Londra, in cui lei appare accanto a Daniel Craig. La serie televisiva prodotta da Netflix del 2016 “The Crown” è incentrata invece tutta sulla sua vita. Elisabetta II stata interpretata durante le varie stagioni da Claire Foy, Olivia Colman ed Imelda Staunton. A lei è stato dedicato anche il lungometraggio “The Queen – La regina”, pellicola di Stephen Frears del 2006, con Helen Mirren. (continua a leggere dopo le foto)

I vestiti dalle tinte forti, la passione per i cani e l’amore per i cavalli

Piuttosto conservatrice nel vestire, la regina era famosa comunque per i soprabiti dai colori forti e per i cappelli decorativi, che le consentivano di essere vista facilmente tra la gente durante gli eventi pubblici. I suoi principali interessi erano le corse dei cavalli, la fotografia e i cani. La sua razza preferita era il welsh corgi pembroke. Poco amante della lettura secondo i rumors, nel corso degli anni la sua immagine ha subito una forte “metamorfosi”. Un’icona pop Elisabetta II, che si è via via addolcita: è stata vista sorridere e commuoversi in più occasioni. Tanti ricorderanno le sue lacrime al funerale della sorella Margaret e alle esequie del coniuge Filippo. Leggi anche l’articolo —> Regina Elisabetta, la drammatica notizia poco fa: “Preghiamo”

 

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure