Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Romina Power, lo struggente messaggio per Ylenia Carrisi, la figlia scomparsa

Ylenia Carrisi è scomparsa nella notte del 31 dicembre 1993, data in cui risale l’ultima telefonata alla famiglia. Da allora non si sa che fine ha fatto o cosa sia successo alla ragazza. Da allora però la madre non ha mai perso la speranza di poter rivedere un giorno la sua adorata figlia. Oggi Romina Power ha scritto un commovente messaggio su Instagram per ricordare a Ylenia che la aspetterà per sempre.

Romina Power Instagram

Ylenia Carrisi, il commovente messaggio di Romina Power su Instagram

Al Bano scelse di presentare un’istanza al Tribunale di Brindisi. Nel 2013 Ylenia Carrisi fu dichiarata morta. Romina Power però si è sempre dissociata, affermando di “essere profondamente amareggiata” dalla decisione dell’ex marito. Lei ancora crede che un giorno rivedrà la sua figlia. “Ylenia, mia cara, voglio che tu sappia che tua mamma ti aspetta sempre! Con tanto amore”, ha scritto su Instagram qualche giorno fa.

In tantissimi hanno apprezzato l’amore di Romina per sua figlia e hanno commentato il post della cantante. “Posso capire così bene la tua speranza di rivedere Ylenia un giorno. Ti auguro con tutto il cuore. ❤️❤️❤️”. O ancora: “Quanto sei dolce Romina! ❤️”, “Vi amo con tutto il mio cuore 💓”, ha scritto un altro utente.

Leggi anche: Ilary Blasi e Francesco Totti si separano? L’indiscrezione bomba lascia i fan senza parole

Romina Power Instagram

Ylenia Carrisi, il mistero della scomparsa

Ylenia Carrisi è scomparsa nella notte del 31 dicembre 1993, data in cui risale l’ultima telefonata alla famiglia e durante la quale avrebbe litigato con Al Bano per la sua decisione di andare a New Orleans. Appena la ragazza scomparve furono interrogati due uomini. Il primo fu il trombettista di strada, Alexander Masakela, che aveva una relazione con lei. Masakela inizialmente dichiarò di non sapere dove si trovasse Ylenia, ma di credere che stesse bene. Due settimane dopo una ragazza lo denunciò per stupro e la polizia lo arrestò, ma venne rilasciato per mancanza di prove.

Fu interrogato anche Albert Cordova, guardiano notturno dell’Audubon Aquarium of the Americas, che dichiarò di aver visto una ragazza gettarsi nel Mississippi il 6 gennaio 1994 e riconobbe nelle foto Ylenia. Tuttavia non ci furono mai le prove che quella ragazza fosse proprio Ylenia: nessuno dei corpi ritrovati nel fiume nei mesi seguenti fu identificato come il suo. Da allora saltarono fuori varie segnalazioni ma nessuna che concretamente provasse che Ylenia è viva o morta.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004