Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Bambino picchiato dal “nonno”, la folla si fa giustizia da sola: cos’è successo

Bambino picchiato dal “nonno”, la folla si fa giustizia da sola: cos’è successo

Bimbo picchiato a Ventimiglia aggredito nonno

Social. Bimbo picchiato a Ventimiglia, aggredito per strada il “nonno”. In queste ultime ore sembrano esserci delle grosse novità riguardanti il piccolo Ryan, il bambino di Ventimiglia, un comune italiano di 22.924 abitanti della provincia di Imperia in Liguria. Non può e non riesce a trovare pace, il padre di Ryan, il piccolo che lo scorso 19 dicembre sarebbe stato picchiato dal “nonno” acquisito nella casa della nonna paterna, riportando lesioni gravissime. Il bambino è ricoverato al Gaslini di Genova, dove sembra fare progressi giorno dopo giorno. Nel frattempo, mentre le indagini sono ancora in corso per accertare la colpevolezza del compagno della nonna, la folla ha pensato di farsi giustizia da sola picchiando l’uomo. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche –> Novità sul caso del piccolo Ryan picchiato a Ventimiglia: le parole dei genitori

Bimbo picchiato a Ventimiglia, aggredito per strada il “nonno” ritenuto colpevole

Preso a calci e insultato per strada il “nonno” del piccolo Ryan, il bambino di 6 anni finito in ospedale dopo un pestaggio. L’uomo, compagno della nonna e ritenuto colpevole del gesto nei confronti del piccolo, sarebbe infatti stato aggredito verbalmente e fisicamente davanti a un ufficio postale, come riporta Leggo. L’avvocato che lo difende ha presentato denuncia contro ignoti. L’uomo prima aveva ammesso di aver picchiato il piccolo perché aveva disobbedito a un ordine mentre lui stava compiendo un lavoro in una stanza di casa, poi ha ritrattato durante una trasmissione televisiva. Sulla presunta aggressione, il padre di Ryan ha detto: “Ho lanciato un appello cercando di trattenere tutti i miei concittadini e cercando di farvi capire che così si rallentano le indagini. In questo caos la magistratura fa fatica a proseguire nel lavoro. Ve lo chiedo con il cuore in mano, state buoni, per favore, chi ci rimette è solo Ryan”. Poi, riferendosi a sua madre, ha aggiunto: “Mi vergogno di essere tuo figlio, maledetta. Lui fa schifo allo stesso modo di lei. Inutile difendere l’indifendibile, se mio figlio era sull’orlo di morire è anche merito suo, della sua mancanza di coscienza e del suo egoismo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Come sta Ryan

I genitori i Ryan hanno deciso di rompere il silenzio. A parlare è Simone, il papà del piccolo di 6 anni di Ventimiglia ricoverato all’ospedale Gaslini di Genova dopo essere stato picchiato presumibilmente dal compagno della nonna paterna. Durante un intervento a La Vita in Diretta, l’uomo ha dichiarato: “Ryan giorno dopo giorno sta migliorando in continuazione, inizia a essere più lucido, le sue condizioni sono in miglioramento, in particolare milza e polmoni”. Poi ha aggiunto: “Ryan sta dimostrano che la sua voglia di rivincita è tanta e l’avrà. Ci sono dei flashback, l’altro giorno da che dormiva si è svegliato di botto gridando: “Aiuto papà”. Ieri m ha chiesto come mai si fosse rotto il braccio, io gli ho detto che è scivolato. Cerco di orientare i suoi pensieri altrove”.

Leggi anche –> Bimbo di 6 anni ridotto in fin di vita: la terribile scoperta sul compagno della nonna

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure