Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Novità sul caso del piccolo Ryan picchiato a Ventimiglia: le parole dei genitori

Novità sul caso del piccolo Ryan picchiato a Ventimiglia: le parole dei genitori

Bimbo picchiato a Ventimiglia

Social. Bimbo picchiato a Ventimiglia: parlano i genitori di Ryan. La storia che stiamo per raccontarvi arriva dall’Italia e riguarda un bambino di Ventimiglia, un comune italiano di 22 924 abitanti della provincia di Imperia in Liguria. Non può e non riesce a trovare pace, il padre di Ryan, questo il nome del piccolo, che lo scorso 19 dicembre è stato picchiato nella casa della nonna, riportando lesioni gravissime. Il piccolo è ricoverato al Gaslini di Genova, dove sembra fare progressi giorno dopo giorno. Ora i genitori di Ryan hanno deciso di parlare. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche –> Picchiato e bruciato vivo: orrore su un bimbo di 4 anni. La terribile scoperta sulla madre

Bimbo picchiato a Ventimiglia: parlano i genitori di Ryan

I genitori i Ryan hanno deciso di rompere il silenzio. A parlare è Simone, il papà del piccolo Ryan, il bimbo di 6 anni Ventimiglia ricoverato all’ospedale Gaslini di Genova dopo essere stato picchiato presumibilmente dal compagno della nonna paterna. Ma le indagini sono ancora in corso per stabilire le responsabilità e la dinamica di quanto è successo. Durante un intervento a La Vita in Diretta, l’uomo ha dichiarato: “Ryan giorno dopo giorno sta migliorando in continuazione, inizia a essere più lucido, le sue condizioni sono in miglioramento, in particolare milza e polmoni”. Poi ha aggiunto: “Ryan sta dimostrano che la sua voglia di rivincita è tanta e l’avrà. Ci sono dei flashback, l’altro giorno da che dormiva si è svegliato di botto gridando: “Aiuto papà”. Ieri m ha chiesto come mai si fosse rotto il braccio, io gli ho detto che è scivolato. Cerco di orientare i suoi pensieri altrove”. Infine, Simone si è rivolto a sua madre, compagna dell’uomo che avrebbe picchiato il piccolo. (Continua a leggere dopo la foto)

Un sfogo senza fine

Sempre durante il suo intervento a La vita in diretta, Simone si è rivolto direttamente alla mamma Antonia, 67 anni, e al suo compagno, attualmente indagati per quanto successo al bambino, in attesa che vengano chiariti tutti i punti oscuri di questa brutta vicenda: “Ho sospeso con lei tutti i contatti. So che è tornata a casa con lui dopo essere stata a casa di mia sorella, che è dalla mia parte e da quella di Ryan. Non hanno rispetto per loro stessi ma ammettano quello che hanno fatto, qualcuno sta coprendo l’altro”.

Nel corso della trasmissione in onda su Rai 1 è intervenuta anche la mamma di Ryan, Elena: “Non potevo immaginare quello che era successo, ma non ho mai creduto alla storia dell’investimento. Lo conosco, non è mai scappato, soprattutto senza le scarpe. […] Se non hanno detto la verità finora, dubito che lo faranno. Se hanno una coscienza sanno cosa fare, non sta a me dirglielo. Continuo con la mia vita, ho anche un bimbo piccolo da accudire, non ho altro da dire”.

Leggi anche –> Bimbo di 6 anni ridotto in fin di vita: la terribile scoperta sul compagno della nonna

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure