Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Carmine muore a 13 anni, poi la scoperta choc sui medici: cos’è successo

Carmine, un ragazzo di 13 anni, muore il 23 dicembre scorso dopo aver trascorso un mese in ospedale a causa di forti dolori al ginocchio. Il giovane era stato in ospedale già nel 2022 dopo una caduta a scuola ma il medico che lo aveva visitato non si era accorto della gravità della situazione, evitando così di cure che avrebbero potuto salvargli la vita. I genitori del ragazzo hanno sporto denuncia e al momento, la Procura di Macerata sta indagando sul caso per capire come siano andate realmente le cose.

Leggi anche: Terremoto in Vallemaggia: panico tra la popolazione, scossa fortissima

Leggi anche: Levante, grave lutto per la cantante italiana: “Ci mancherà per sempre”

Carmine muore a 13 anni

2022. Carmine viene portato in ospedale a Capua dai genitori dopo una caduta a scuola. Il medico che lo ha visitato ha ritenuto che il gonfiore fosse causato da un versamento all’articolazione. Ma la verità era ben diversa. Carmine aveva un tumore e ad accorgersene è stato il medico di base, così i genitori hanno portato il figlio in una struttura di Roma per essere operato. Ma qualcosa è andato storto. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Terribile frontale in autostrada tra due auto: 6 feriti

La diagnosi corretta

Le condizioni del ragazzo non sono migliorate, bensì si sono aggravate. Nel novembre scorso Carmine era stato accompagnato da Napoli a Civitanova Marche, dove era atteso per nuovi esami diagnostici, pagando 1.800 euro per il trasporto in ambulanza. A dicembre il ragazzo non ce l’ha fatta ed è morto. La famiglia di Carmine ha sporto denuncia contro i medici che hanno visitato il figlio, che hanno sbagliato la diagnosi. 5 i medici indagati per omicidio colposo e falsificazione di cartella clinica, per non aver riconosciuto in tempo un sarcoma osseo al ginocchio. Gli avvocati dello Studio Associati Maior stanno portando avanti la causa della famiglia del giovane sottolineando che se la la malattia fosse stata scoperta in tempo, Carmine sarebbe ancora qui. (continua dopo la foto)

La famiglia è distrutta

La famiglia di Carmine, devastata dal dolore, chiede giustizia ma rimane fiduciosa nel sistema giudiziario. “Non ci arrenderemo – dichiara la famiglia- Lo dobbiamo a nostro figlio. La mamma di Carmine, Imma, saluta suo figlio con un post social: “Ciao Carmine, figlio mio, sei stato il figlio più speciale che una madre potesse desiderare. I giorni vanno avanti, il tempo scorre, il mondo va avanti, ognuno ha la sua vita, ma io che sono tua madre non accetto la tua morte. Ho deciso di rendere pubblica la nostra storia in tua memoria per far si che ad altri bambini non venga fatto del male come lo hanno fatto a te, ma alcune persone non lo hanno ancora capito, continuano a farci del male, ma un giorno se la vedranno con Dio figlio mio

Questa è una pagina dolorosa di malasanità che coinvolge ospedali in diverse regioni d’Italia, e una storia che deve essere raccontata. Lo Studio Associati Maior e la famiglia di Carmine continueranno a lottare per garantire che la tragedia del giovane non sia stata vana e che giustizia sia fatta“, si legge in una nota dei legali del 13enne.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure