Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Caso Resinovich, emergono nuovi dettagli: la verità sul gesto del marito prima della scomparsa

È ancora giallo sulla morte della triestina Liliana Resinovich, 63 anni, ex dipendente regionale in pensione, scomparsa due mesi fa, il 14 dicembre 2021, e poi trovata morta il 5 gennaio 2022 nel Parco di San Giovanni, non distante dalla casa in cui viveva con suo marito Sebastiano Visintin. In quest’ultimo periodo lo scenario investigativo si è allargato sempre più: da una parte si indaga sulla pista passionale e dall’altra su quella economica. A risultare ambiguo, almeno per il momento, è il comportamento del marito Sebastiano, soprattutto alla luce dei nuovi elementi venuti a galla grazie alle testimonianze dei vicini della coppia. (Continua a leggere dopo la foto)

Caso Resinovich, emergono nuovi dettagli: la verità sul gesto del marito prima della scomparsa

La morte di Liliana Resinovich continua a presentare punti oscuri. In quest’ultimo periodo, soprattutto dopo le testimonianze dei vicini della coppia, a risultare ambiguo è il comportamento del marito Sebastiano. A quanto pare, il giorno della sua scomparsa, la donna aveva avvisato una signora presso la quale sarebbe dovuta andare a fare delle pulizie, che avrebbe avuto del ritardo, dovendo passare prima da un negozio di telefonia. Da quel momento in poi di lei non si è più saputo nulla per quasi un mese, fino al ritrovamento del corpo il 5 Gennaio 2022. Grazie a ciò gli inquirenti sono venuti a conoscenza dell’amicizia tra Liliana e Claudio. Ora un dettaglio inquietante potrebbe aprire nuove piste e portare eventualmente alla risoluzione del caso. (Continua dopo la foto)

Il mistero si infittisce

Gli investigatori stanno cercando di capire se Liliana si sia suicidata o se invece sia stata uccisa. Il fratello della donna, Sergio, è convinto che la sorella non si sia tolta la vita da sola. Grazie alle testimonianze dei vicini della coppia, le Forze dell’Ordine sono riusciti a ricostruire quanto accaduto nelle prime ore successive alla scomparsa. I due testimoni hanno infatti dichiarato che il marito è apparso molto titubante circa l’allertare i soccorsi, e che solo dietro loro insistenza lo ha fatto. Rimane inoltre da capire come mai già alcuni giorni dopo la sua sparizione, Sebastiano abbia iniziato a disfarsi di alcuni oggetti e della bicicletta della moglie, pur non avendo ancora ritrovato nessuna certezza su che fine avesse fatto la donna. Dubbi che per ora restano avvolti nel mistero e che solo gli inquirenti potranno chiarire.

Caso Liliana Resinovich, torna a parlare Claudio Sterpin: il mistero si infittisce

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure