Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Ecco perchè l’ho uccisa”. Delitto Giulia Cecchettin, la sconvolgente rivelazione di Filippo

È durato 9 ore l’interrogatorio di Filippo Turetta, accusato dell’omicidio della sua ex fidanzata Giulia Cecchettin, sequestro di persona e occultamento di cadavere. Davanti al pm Andrea Petroni, il ragazzo ha pianto, si è concesso lunghe pause ma ha dato anche risposte articolate, quelle che non aveva dato al gip tre giorni fa. E per spiegare il motivo ha detto: “Mi è scattato qualcosa in testa”

Leggi anche: Filippo Turetta risponde al gip: cosa ha rivelato nell’interrogatorio lungo 9 ore

Leggi anche: Giulia Cecchettin, esplode la bufera contro la nonna: italiani al veleno

La sconvolgente rivelazione di Filippo

Filippo Turetta ha confessato di aver commesso l’omicidio perché non poteva accettare la fine della loro relazione. “L’amavo ancora, l’ho uccisa perché non accettavo che non fosse più mia”. Dopo circa 9 ore di interrogatorio il 18 dicembre nel carcere a Verona davanti al pm, Filippo ha descritto quella ragazza come se fosse un oggetto in suo possesso. Non riusciva ad accettare che lei lo avesse lasciato e non riusciva a superare la rottura perché ancora innamorato. La prima aggressione, avvenuta nel parcheggio a Vigonovo, a circa 150 metri da casa di lei, al ritorno. “Ho perso la testa, mi è scattato qualcosa”, avrebbe ripetuto Turetta. Nel corso dell’interrogatorio il ragazzo avrebbe anche dichiarato di essere pronto ad assumersi le sue responsabilità: “A Giulia ho fatto una cosa orribile, voglio pagare“. Avrebbe anche ammesso di avere avuto una sorta di blackout, quando ha capito che Giulia. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Giulia Cecchettin, dall’autopsia i dettagli orribili sull’omicidio

Giulia cecchettin

L’autopsia sul corpo di Giulia Cecchettin

14 ore è durato l’esame autoptico sul corpo di Giulia Cecchettin, dove è emerso che la ragazza è morta dissanguata a causa delle numerose coltellate inflitte, circa 20. Filippo avrebbe usato un unico coltello da cucina, con lama di 12 centimetri, lo stesso trovato dalla polizia tedesca al momento della cattura. Contrariamente a quanto si pensava, il primo coltello, quello trovato per terra nel parcheggio vicino casa di Giulia, non è stato utilizzato per il delitto.

Si svolgeranno martedì 5 dicembre alle ore 11 i funerali della giovane 22 enne, nella Basilica di Santa Giustina a Padova.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure