Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Gianluca Vialli, Mauro racconta l’ultimo incontro in ospedale

Gianluca Vialli, Mauro racconta l’ultimo incontro in ospedale

Massimo Mauro ha visto Gianluca Vialli il 21 dicembre in ospedale a Londra. Era stato proprio l’amico a chiamarlo e a chiedergli di andare da lui. Mauro, a poche ore dalla morte è triste, ma sollevato, per aver avuto la possibilità di salutare il campione che ha lottato a lungo contro una malattia che non gli ha lasciato scampo. I due, come qualcuno saprà, hanno dato vita alla «Fondazione Vialli e Mauro per la ricerca e lo sport». E in un’intervista al “Tg 1” l’uomo ha parlato dell’ultimo incontro in clinica con l’amico. Leggi anche l’articolo —> Vialli, lo straziante retroscena su Mancini: è successo l’ultima volta che l’ha visto

Gianluca Vialli, Mauro racconta l’ultimo incontro in ospedale

«Me lo aveva chiesto ed è stato molto importante per me essere lì. La considero una fortuna», ha detto Mauro commosso al Tg1. «Luca era ormai in condizioni molto critiche. È stato difficile avere una buona comunicazione. Ma, per 10’ ogni 2 ore, riusciva a essere lucido e allora abbiamo parlato della Juve, della Sampdoria, della fondazione, abbiamo parlato di quello di cui parlavamo sempre. Abbiamo riso», ha aggiunto il dirigente sportivo. (continua a leggere dopo le foto)

“Gianluca era un uomo credibile e sapeva esercitare la leadership”

«Gianluca era un uomo credibile e sapeva esercitare la leadership, il lavoro nella Nazionale assieme a Mancini lo testimonia e non finirò mai di ringraziare il presidente della Figc, Gravina, per avergli concesso negli ultimi anni della propria vita questa esperienza straordinaria, che a Luca è servita tantissimo», ha dichiarato sempre al Tg 1 l’ex calciatore. (continua a leggere dopo le foto)

Massimo Mauro ha visto Gianluca Vialli il 21 dicembre in ospedale a Londra

«Il pomeriggio che sono arrivato a Londra, svegliandosi, Luca mi chiese di fargli un massaggio e io ho preso il suo polpaccio e gliel’ho massaggiato, a quel punto mi ha guardato e mi ha detto: ‘nonostante le mie condizioni, tu non avevi questi muscoli quando giocavi’, e ci siamo fatti una gran risata. Aveva capito in che condizioni si trovava, ma mi sembrava ugualmente sereno. Anche perché ha una famiglia bellissima, due ragazze come Olivia e Sofia fantastiche, una moglie che è stata straordinaria accanto a lui in questi anni. L’unica cosa che non è riuscito a fare è stato il presidente della Sampdoria, società alla quale voleva trasmettere tutto il proprio sapere calcistico», ha dichiarato Mauro. Leggi anche l’articolo —> Gianluca Vialli, parla il medico che l’ha operato: fate attenzione a questo sintomo

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure