Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Giulia Cecchettin, nuovo orrore dopo la morte: italiani in rivolta

È passato più di un mese dalla morte di Giulia Cecchettin ma il suo caso continua a far discutere. Eppure in questi giorni ciò che sta rovinando la sua immagine è sempre il mondo social che pubblica post e video offensivi alla memoria di quella povera ragazza e irrispettoso nei confronti di una famiglia che la sta ancora piangendo.

Leggi anche: Filippo Turetta, la notizia dal carcere: come trascorrerà il suo compleanno

Leggi anche: Filippo Turetta, primo compleanno in carcere: le news

giulia cecchettin

Il vergognoso post sui social

La morte di Giulia Cecchettin ha sconvolto l’intero paese. La ragazza aveva solo 22anni ed è stata ammazzata dal suo ex fidanzato che non accettava che lo avesse lasciato. Sono state organizzate manifestazioni di protesta nelle maggiori piazze italiane contro la violenza sulle donne e tanti volti noti hanno fatto sentire la loro voce per difendere l’onore di tutte le vittime di questi uomini senza cuore. Ma il mondo social è vasto ed in questo mese non sono mancati episodi raccapriccianti che hanno infangato la memoria di Giulia.

Su Threads è stato pubblicato il video di un ipnotizzante spadellatore di riso cinese e sopra la scritta “oggi offre Giulia Cecchettin”, in riferimento al fatto che nel video la padella si muove da sola. Come se dietro ci fosse “il fantasma” di Giulia. (continua dopo il video)

Leggi anche: Lutto nel mondo del calcio italiano: è morto Beppe

I commenti

A differenza di quanto si possa pensare sono stati tantissimi i commenti di chi apprezzava questo post e, ancora peggio, hanno commentato mettendo in mezzo nomi di altre vittime di femminicidio. “Finalmente un ristorante dove poter portare la mia crush Yara Gambirasio a un appuntamento“. “A Filippo Turetta piace questo video” e ancora “Fa il suo dovere nonostante le difficoltà”. Sono solo alcuni dei commenti davvero di poco gusto al video.

Molti anche i commenti di chi indignato per il video chiede che chi ha commentato che ci mettesse la faccia, ma qualcun altro scrive che chiedere i nomi provocherebbe altra violenza, e sarebbe sbagliato rispondere alla violenza in questo modo.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure