Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Giulia Cecchettin, il padre Gino incontra i genitori di Turetta

L’attenzione mediatica sulla vicenda della morte di Giulia Cecchettin continua ad essere fortissima. Lo ha confermato il sindaco di Vigonovo, Luca Martello. Il primo cittadino della città veneta ha spiegato che riceve quotidianamente messaggi indirizzati alla famiglia di Giulia. La ragazza è morta all’età di 22 anni per mano di un suo coetaneo ed ex fidanzato, Filippo Turetta. I funerali di Giulia ancora non si sono celebrati ma intanto sembra che il padre della ragazza sia disposto ad incontrare i genitori di Filippo. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Filippo Turetta, paura nel carcere tedesco: si teme il peggio

Leggi anche: Brutto incidente per il famoso italiano: auto completamente distrutta

Filippo Turetta accetta l'estradizione: cosa succede ora

Giulia Cecchettin, le parole del sindaco di Vigonovo

Luca Martello, sindaco di Vigonovo paese di Giulia Cecchettin, ha raccontato di avere ricevuto finora 400 messaggi, tutti indirizzati alla famiglia di Giulia. “Mi scrivono cittadini, sindaci, associazioni. Ricevo telefonate da tutta Italia con le quali mi vengono espresse la vicinanza alla famiglia. Ricordo in particolare quella del sindaco di Adria che quattro anni fa si è trovato di fronte all’omicidio di un’altra Giulia, poi il primo cittadino di Barcis, dove Giulia è stata trovata senza vita, oppure della collega di Saonara con cui abbiamo organizzato domenica scorsa una fiaccolata silenziosa e alla quale hanno partecipato una cinquantina di sindaci veneti, a dimostrare che in questi casi si indossa tutti la stessa fascia”, fa sapere il sindaco. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Nuovo virus scatena il panico: ospedali pieni e scuole chiuse

Leggi anche: Giulia Cecchettin, il retroscena da brividi su Filippo: cosa avrebbe fatto prima di ucciderla

L’impegno nella lotta contro la violenza alle donne

Anche il primo cittadino di Vigonovo, come tanti, ha deciso di impegnarsi nella lotta contro la violenza alle donne. “Domani, sabato, nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sarò presente alla fiaccolata organizzata a Torreglia, Comune in cui viveva l’arrestato Filippo Turetta. A Giulia saranno dedicate borse di studio e stiamo anche ragionando sull’ipotesi di dare il suo nome ad una piazza del paese. Come già detto varie volte, l’educazione non passa solo da famiglie e scuola, ma anche dai posti di lavoro. Su questo si sta mettendo in moto anche l’Acrib, l’associazione dei calzaturieri della Riviera del Brenta”, ha annunciato Luca Martello. “Ho condiviso la scelta domenica scorsa della squadra di calcio Vigonovo Tombelle di non scendere in campo. Bisogna saper perdere, bisogna insegnare la sconfitta che non vuol dire costruire una generazione di perdenti ma di resilienti, di persone capaci di attraversare le avversità uscendone rafforzati, di saper riorganizzare positivamente la propria vita”, ha aggiunto. (Continua dopo le foto)

Gino Cecchettin incontra i genitori di Filippo Turetta

Nella giornata di oggi, il sindaco Martello si recherà a Torreglia per incontrare i genitori di Filippo Turetta. Secondo quanto riporta Il Messaggero, all’incontro potrebbe partecipare anche Gino Cecchettin. I due si erano già visti quando i loro figli erano spariti insieme e ancora non si sapeva che fine avessero fatto. Sarà la prima volta che si incontrano dopo la scoperta della morte di Giulia. Intanto, la famiglia Cecchettin ha chiesto di rispettare il loro silenzio fino alla data dei funerali di Giulia, che non sono ancora stati fissati.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure