Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Orrore a Manduria, furto al cimitero: rubano i denti d’oro a un defunto

Orrore a Manduria, furto al cimitero: rubano i denti d’oro a un defunto

Manduria, furto al cimitero: rubano i denti d’oro al defunto. Sono stati i familiari ad accorgersi che qualcosa non andava e hanno denunciato i ladri, che hanno profanato la tomba di un uomo morto una trentina d’anni fa. Lo hanno fatto per impossessarsi della mascella inferiore del defunto che conteneva i denti d’oro ancora intatti.

Manduria, furto choc al cimitero
Manduria, furto al cimitero: rubano i denti d'oro al defunto

Manduria, furto al cimitero: rubano i denti d’oro al defunto

I familiari del defunto, recandosi al cimitero per la visita domenicale, avevano notato che la lastra che chiudeva la tomba a pozzo non era al suo posto. Non potendo scendere per via della pioggia, hanno rimandato a ieri l’ispezione che ha confermato che effettivamente qualcuno era sceso per prendere qualcosa e quel qualcosa erano i molari d’oro del nonno defunto.

Venti giorni prima del furto, con gli addetti al camposanto tutti i componenti di famiglia avevano assistito alla estumulazione del nonno e raccolto i resti in apposite urne che lo stesso personale dell’impresa che gestisce i servizi cimiteriali per conto del comune aveva provveduto a deporre nella parte più bassa della tomba, chiusa con tufi e calce. Oltre ai denti d’oro, il defunto aveva al collo una collanina, anche quella dello stesso metallo prezioso. I familiari hanno dunque recuperato il gioiello, lasciando perdere i denti. Ci hanno pensato i ladri a recuperare il ricco bottino profanando la tomba nella notte tra sabato e domenica.

LEGGI ANCHE: Orrore nel Connecticut, uccide il figlio di 2 anni e lo seppellisce in un parco pubblico

I familiari hanno denunciato i ladri

I ladri sono stati scoperti a causa di un errore di sbadataggine oppure perché c’era qualcuno che li ha beccati. Infatti hanno lasciato la lascia di marmo che chiudeva la tomba del defunto semi-aperta. Grazie a ciò i parenti hanno potuto scoprire l’orribile gesto e denunciarlo. I parenti infatti si sono recati negli uffici della Polizia di Stato di Manduria presentando una denuncia contro ignoti, come riporta il Quotidiano di Puglia. Sui social, invece, hanno lanciato un appello a chiunque ritrovasse la piccola lapide con le foto dei nonni di cui non c’è più traccia.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure