Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Il terribile racconto della podista crollata dopo il traguardo: “Sono morta per 22 minuti”

Il terribile racconto della podista crollata dopo il traguardo: “Sono morta per 22 minuti”

La podista è crollata dopo aver tagliato il traguardo della maratona di Buenos Aires. Per circa ventidue minuti il suo cuore si è fermato. I medici le hanno praticato di tutto, dal massaggio cardiaco alle scariche con il defibrillatore, fino ai farmaci per rianimarla. Dopo un po’, la podista è tornata in vita, riaccendendo in tutte le speranze. La sportiva ha ricevuto un vero e proprio miracolo. (Continua dopo la foto…)

Gemelle sposano gemelli e partoriscono: quello che accade dopo il parto lascia tutti senza fiato, è incredibile

Podista crolla dopo aver tagliato il traguardo

Dopo aver tagliato il traguardo della maratona di Buenos Aires, la podista è crollata a terra. Per circa ventidue minuti il suo cuore si è fermato. L’atleta è stata immediatamente trasportata in ospedale. Nel frattempo, però, i medici hanno provato a rianimarla con il massaggio cardiaco, con le scariche del defibrillatore e somministrandole alcuni farmaci. Dopo ventidue minuti, il suo cuore è tornato a battere. La podista ha ricevuto un vero e proprio miracolo. La sua vita era terminata, ma probabilmente non era ancora arrivata la sua ora. C’è chi crede in Dio, chi crede nella medicina, fatto sta che l’atleta ha ricevuto un vero e proprio miracolo. (Continua dopo la foto…)

Ictus, gli 8 segnali da non sottovalutare mai: ti salvano la vita

Il suo racconto

Il racconto di Manuela Bugueño Ipinza, podista cilena che, dopo aver tagliato il traguardo della maratona di Buenos Aires, si è accasciata al suolo, fa venire letteralmente i brividi. “A un certo punto le immagini si sono fatte confuse” – ha raccontato a La Nacion – “so solo che mi sono ritrovata ricoverata senza un perché”. Manuela è stata ricoverata per una tachicardia ventricolare: il cuore è andato in tilt e l’intervento col defibrillatore l’ha riattivato. “Ho avuto un’attività elettrica senza polso. Mi hanno dato adrenalina e altri farmaci”, spiega l’atleta.

Manuela ha trent’anni e non ha mai avuto un problema di salute. Si sentiva abbastanza in forma da affrontare quella sfida: “Corro da più di 10 anni e lo faccio anche su una distanza maggiore da circa cinque anni. Avevo già corso una mezza maratona e non mi era mai successa una cosa del genere”.
Dopo il miracolo ricevuto, la podista dice: “Sto bene… sto solo elaborando tutto quello che mi è successo. Devo la mia vita alla prontezza dei soccorsi, hanno capito subito che mi stava per accadere qualcosa quando sono arrivata al traguardo, e ai medici che mi hanno preso in cura in ospedale”.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure