Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Ragazzi dispersi, poco fa la notizia su uno dei cellulari

Continuano dall’alba di oggi, sabato 1° giugno 2024, le ricerche dei tre ragazzi scomparsi, travolti ieri pomeriggio dalla piena del fiume Natisone. I tre hanno chiesto aiuto al 112 e si sono stretti in un forte abbraccio per resistere alla violenza dell’acqua in attesa dei soccorsi. Quando i vigili del fuoco hanno lanciato le funi, i tre giovani sono stati portati via dalla piena sotto gli occhi di numerosi testimoni. Oggi, la notizia sul cellulare di uno dei tre ragazzi dispersi nel fiume Natisone. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Ragazzi travolti dalla piena, il dolore della mamma di Patrizia

Leggi anche: Chi sono i tre ragazzi trascinati via dalla piena del fiume (VIDEO)

Ragazzi dispersi nel Natisone, il cellulare di uno di loro agganciato da una cella

Chi sono i tre ragazzi dispersi

Nella serata di ieri è stato confermato che i tre ragazzi sono tutti originari della Romania. Una macchina con targa rumena infatti era stata trovata vicino a dove erano stati avvistati per l’ultima volta: da qui l’ipotesi. Una di loro ha 20 anni, è figlia di genitori rumeni e residente a Campoformido in provincia di Udine. Un’altra è una ragazza di 23 anni, arrivata in Friuli tre giorni fa dalla Romania per far visita ai genitori che abitano a Udine. Il ragazzo, di 25 anni, che conduceva l’auto, abita in Austria ma è domiciliato a Udine. I ragazzi avevano raggiunto un isolotto sul Natisone ancora quasi in secca. Poi il livello dell’acqua si sarebbe alzato improvvisamente e i giovani hanno chiamato i soccorsi. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Meteo, ponte del 2 Giugno rovinato: ecco cosa ci aspetta

Leggi anche: Ilaria Salis rompe il silenzio sui social: cosa succede

Ragazzi dispersi nel Natisone, le ricerche

I droni della protezione civile hanno perlustrato l’area nel corso di tutta la notte. Poi stamattina all’alba, i soccorritori hanno ripreso le ricerche per trovare i tre ragazzi dispersi dal primo pomeriggio di ieri nel fiume Natisone in piana. I soccorritori hanno cominciato la perlustrazione all’altezza del Ponte Romano di Premariacco, dove i tre giovani sono stati avvistati l’ultima volta prima di essere travolti dalla piena del corso d’acqua. Lì infatti, uno degli smartphone dei ragazzi ha agganciato una cella telefonica nei dintorni, fa sapere Udine Today. Cosa significa?

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure