Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » La storia incredibile di Alex Lewis, sopravvissuto ad un batterio killer

La storia incredibile di Alex Lewis, sopravvissuto ad un batterio killer

Una storia incredibile, che sta rimbalzando da un sito all’altro. Sembrava la solita influenza stagionale, invece era qualcosa di diverso, di più grave. Alex Lewis, un uomo inglese di 42 anni, pensava di avere a che fare una semplice febbre, il classico malanno autunnale con cui almeno una volta abbiamo fatto i conti tutti. Niente di tutto questo. Nel novembre del 2013 la sua vita ha subito un brusco cambiamento: ora, purtroppo ha il viso sfigurato e non ha più gli arti. Leggi anche l’articolo —> Infermiere aiuta una donna che partorisce in macchina, poi il marito gli offre 100mila euro

La storia incredibile di Alex Lewis, sopravvissuto ad un batterio killer

Quando ad Alex è venuta la febbre, non si è preoccupato più di tanto: era novembre e i malanni di stagione, come il raffreddore o il mal di gola, sono all’ordine del giorno. Quando però, la temperatura ha preso a salire in maniera smisurata, la famiglia dell’uomo si è allarmata. Difatti, con nessun farmaco la febbre accennava a scendere e le condizioni di salute del 42enne sembravano peggiorare. (continua a leggere dopo le foto)

La febbre non accennava a scendere: non era un malanno di stagione

Come racconta “Il Mattino”, Alex Lewis, nonostante i farmaci, è rimasto in agonia per oltre 10 giorni. Quando la febbre si è placata, lui si è ridestato e si è reso conto che la sua pelle era diventata viola. In sostanza era in corso un’infezione gravissima. A nulla è servita la disperata corsa in ospedale: ad Alex sono stati amputati gli arti ed è stata ricostruita parte del viso, rimasto sfigurato da un batterio killer. Si trattava dello Streptococco A. (continua a leggere dopo le foto)

Alex Lewis, sopravvissuto ad un batterio killer

Alex Lewis si è accorto troppo tardi di ciò che stava capitando al suo organismo. Purtroppo ha sottostimato la situazione e sottovalutato ogni sintomo. Difatti, come ricorda sempre “Il Mattino”, il batterio killer, se preso in ritardo, può portare a delle conseguenze devastanti, come in questo caso. Per tale ragione, Alex Lewis ha rivolto un appello a tutti i genitori di bambini piccoli: «Se prendono l’influenza, non sottovalutatela mai ma fate fare tutti i controlli del caso. Evitate ai vostri figli ciò che è successo a me». Leggi anche l’articolo —> Torna in vita dopo 90 minuti di arresto cardiaco: il racconto di Alistair

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure