Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Spettacolo italiano in lutto: la tragedia dopo l’evento

Alberto Re morto

Una terribile tragedia si è consumata nelle scorse ore e ha lasciato tutti senza parole. Il mondo dello spettacolo è sotto choc dopo ciò che è accaduto al famoso artista. In seguito ad una manifestazione da lui organizzata, l’uomo ha deciso di farla finita suicidandosi. Perché ha scelto di compiere un gesto tanto estremo? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Filippo Turetta, cosa accadrà in carcere dopo il suo rientro in Italia

Leggi anche: Filippo Turetta, la scoperta choc: cosa ha fatto 3 giorni prima di uccidere Giulia

Alberto Re è morto, il noto artista si è suicidato: il motivo

Alberto Re è morto, il noto artista si è suicidato

Alberto Re si è suicidato al termine di uno spettacolo da lui stesso organizzato. L’uomo si è sparato un colpo alla testa all’età di 78 anni ed è morto in ospedale dopo una settimana di agonia. Alberto ha scritto una lettera che spiega il motivo del suo addio. La lettera della vittima è stata sequestrata dalla polizia, che sta indagando e la Procura starebbe valutando se aprire un fascicolo. Perché l’imprenditore si è tolto la vita? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Meteo Giuliacci, ecco cosa ci attende in Italia fino al ponte dell’Immacolata

Leggi anche: Calcio italiano sotto choc: il tremendo annuncio del giovane campione

Perché Alberto Re si è suicidato

Alberto Re aveva organizzato una manifestazione, la “Paladino d’Oro-Sport Film Festival” al teatro Pirandello, ad Agrigento. La serata purtroppo è stata un flop e Alberto Re non ha retto le pesanti critiche che gli sono state rivolte soprattutto sui social dopo lo spettacolo. “Sono stato travolto da inaudita violenza, non deve succedere più”, le sue ultime parole scritte in una lettera prima del gesto estremo. (Continua dopo le foto)

Le parole della famiglia dell’imprenditore

La famiglia è distrutta per quanto è successo. “Alberto Re mai si è sottratto alla onestà intellettuale e sempre ha sorriso alle storture che possono capitare. Fino a qualche giorno fa. Poi l’onta che sale e che scalfisce, che non arretra e che violenta verbalmente una persona, ha consumato il vero danno. Alberto voleva contribuire ad elevare il dibattito culturale della sua amata Agrigento, non gli è stato concesso, sui social viaggiano sentenze di condanna senza nemmeno il capo di imputazione”, scrive la famiglia dell’imprenditore sui social. Domenica sera, insieme al sindaco Francesco Micciché, al teatro Pirandello ci saranno i nove sindaci finalisti a Capitale italiana della Cultura 2025. Sarà un modo per onorare Alberto Re vittima di una “campagna denigratoria che lo ha spinto a un tristissimo gesto estremo”.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure