Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Terremoto Campi Flegrei, dimissioni nei reparti e stop ai ricoveri nell’ospedale di Pozzuoli

ospedale Pozzuoli terremoto

Nella mattinata di oggi, mercoledì 22 maggio 2024, una nuova scossa di terremoto si è verificata nella zona dei Campi Flegrei alle 08:28. Il sisma, di magnitudo 3.6, è stato registrato a una profondità di 4 chilometri ed è stato chiaramente avvertito in diversi quartieri di Napoli e nei comuni più vicini all’epicentro. Dopo le violente scosse di terremoto due giorni di distanza l’una dall’altra, l’ospedale Santa Maria di Pozzuoli si sta preparando alla situazione di emergenza. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: La famosa influencer è in fin di vita: il mistero su quanto le è accaduto

Leggi anche: Harry e Meghan, l’indiscrezione choc su Lady Diana

Terremoto Campi Flegrei, dimissioni e stop ai ricoveri nell'ospedale di Pozzuoli

Terremoto Campi Flegrei, la situazione

Quella tra martedì 21 e mercoledì 22 maggio è stata la seconda notte in strada per decine di persone evacuate dalle proprie abitazioni dopo la forte scossa nella notte e lo sciame di lunedì sera. Tantissimi si sono allontanati dalle proprie dimore dopo la scossa di magnitudo 4.4 di lunedì, la più forte degli ultimi 40 anni. Ieri invece, ce n’è stata un’altra di magnitudo 3.6 che ha spaventato i residenti, già in allerta dalla notte precedente. In totale, sono 46 le famiglie che sono state sgomberate da 27 stabili. Ora anche gli ospedali si stanno preparando per un eventuale peggioramento della situazione. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Terremoto, nuova scossa in Italia: tremano i banchi delle scuole

Leggi anche: Bonus 2 giugno, ecco come funziona: così cambia la busta paga degli Italiani

Terremoto Campi Flegrei, dimissioni nei reparti e stop ai ricoveri nell’ospedale di Pozzuoli

In seguito ai terremoti negli ultimi due giorni nei Campi Flegrei, sono stati “bloccati sia i ricoveri ordinari che quelli programmati” nell’ospedale Santa Maria di Pozzuoli. Inoltre, molti pazienti sono stati dimessi e dei 208 posti letto ne rimarranno circa una settantina, per le sole emergenze e per i malati oncologici”, ha fatto sapere Mario Iervolino, direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord all’Adnkronos. L’obiettivo è quello di far trovare l’ospedale pronto in caso di emergenza dopo i terremoti che si sono verificati nella zona negli ultimi due giorni.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure