Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Ho tre tumori inoperabili”: il campione di nuoto 23enne racconta il suo dramma

Dramma nello sport: un noto campione di nuoto ha raccontato la sua tragica condizione dopo la diagnosi di tumore al cervello. Il nuotatore di 23 anni dato la notizia della sua battaglia con un post sui social. (Continua a leggere dopo la foto…)

Leggi anche: Pierina Paganelli, si attende una svolta nel caso: il super perito incaricato delle analisi dei reperti

Leggi anche: Tragedia al mare poco fa, bambino di 12 anni muore mentre fa il bagno

Archie Goodburn, nuotatore diagnosticato con tre tumori al cervello

Il dramma del campione di nuoto: i tre tumori al cervello

«Mi sono stati diagnosticati tre tumori al cervello». Questo è il drammatico annuncio del noto nuotatore britannico di 23 anni, medaglia di bronzo ai Campionati mondiali juniores di nuoto nel 2019. Lo scorso aprile il nuotatore aveva mancato di pochi decimi la qualificazione olimpica dando comunque prova di avere davanti a sé un futuro brillante e promettente nel nuoto.

Su Instagram, il ragazzo ha condiviso la notizia lasciando sgomenti i followers e i fan che lo hanno seguito nelle sue imprese sportive. Il racconto choc della diagnosi e della sua battaglia è stato condiviso sul suo profilo social. «Sei settimane fa, la mia vita ha subito un profondo cambiamento quando mi sono stati diagnosticati tre tumori al cervello.» – ha spiegato il nuotatore procedendo poi a sottolineare quali siano stati i primi sintomi di malessere che lo hanno allarmato. (Continua a leggere dopo la foto…)

Leggi anche: Terribile incidente sulla tangenziale: addio Simona

Archie Goodburn diagnosticato con tre tumori al cervello

Il racconto choc sui social: “Quello che temevo di più”

«A dicembre 2023, – ha continuato il nuotatore – durante i miei allenamenti intensi, ho iniziato a essere interrotto da strani episodi che all’inizio sono stati scambiati per emicranie emiplegiche. Questi episodi mi lasciavano con una perdita di forza e intorpidimento sul lato sinistro, accompagnati da una profonda sensazione di paura e nausea». Sono stati questi i sintomi che hanno preluso la terribile diagnosi arrivata come una doccia fredda sul ragazzo di soli 23 anni. «Ora so che si trattava in effetti di crisi convulsive. Una risonanza magnetica a maggio ha finalmente rivelato ciò che avevo iniziato a temere di più».

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure