Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Caso Liliana Resinovich, il marito Sebastiano Visintin parla ai microfoni di “Chi l’ha visto”

Caso Liliana Resinovich, il marito Sebastiano Visintin parla ai microfoni di “Chi l’ha visto”

Il mistero si infittisce intorno al caso di cronaca nera di Liliana Resinovich, la 63enne scomparsa il 14 dicembre 2021 a Trieste e poi trovata morta il 5 gennaio 2022 nel Parco di San Giovanni, non distante dalla casa in cui viveva con suo marito Sebastiano Visintin. Durante la puntata di ieri sera, 30 Febbraio 2022, di Chi l’ha visto sono emersi dei nuovi dettagli. Dopo diverso tempo è tornato a parlare il marito della donna, Sebastiano Visintin, il quale si è lasciato andare a delle confessioni su Claudio Sterpin, presunto amante della donna. (Continua dopo la foto)

Caso Liliana Resinovich, il marito Sebastiano Visintin parla ai microfoni di “Chi l’ha visto”

Per il marito di Liliana Resinovich, Sebastiano Visintin, la morte di sua moglie non può essere archiviata come suicidio. La sua Lilly non si è tolta la vita, lui ne è certo o almeno così ha dichiarato ai microfoni di Chi l’ha visto: «Gli ultimi tre giorni li abbiamo passati insieme serenamente anche quella mattina non ha fatto niente di strano: una persona che si vuole togliere la vita alle sei di mattina va a fare la lavatrice? Abbiamo fatto una colazione insieme e poi ci siamo salutati. Non penso si sia suicidata. Ma non so cosa le sia successo». Poi Sebastiano ha aggiunto: «Credo che il suicidio di Liliana sia una cosa stranissima, non posso pensare che una persona che vuole togliersi la vita metta in piedi quello che ha fatto lei: i sacchetti, i sacchi neri, secondo me bisogna capire cosa è successo dopo la telefonata che lei ha avuto con Claudio Sterpin: quella telefonata è importante perché in quel momento lì è cambiato qualcosa in Liliana». Infine l’uomo ha detto la sua anche sul presunto amante della moglie. (Continua a leggere dopo la foto)

Liliana Resinovich

Le sue parole su Claudio Sterpin

Sempre ai microfoni di Chi l’ha visto, Sebastiano Visintin, che non è indagato e che ha sempre raccontato di aver salutato la moglie quella mattina poco prima della 8 prima per poi uscire di casa, ha puntato il dito contro il presunto amante della moglie, Claudio Sterpin, che per primo ha denunciato la scomparsa della 63enne: «Liliana quella mattina ha lasciato a casa i documenti, il telefono e l’anello. Claudio si è inventato tutto: la relazione tra loro? Questo è quello che dice lui. Per favore finiamola di infangare Lilly. Lui si era fatto un film nella sua testa, del fatto che lei volesse stare con lui ma non era così. Lui sta infamando Liliana». 

Omicidio Liliana Resinovich, arriva il risultato dell’esame tossicologico: cosa è emerso

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor