Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Dario Bressanini su Twitter si scaglia contro Massimo Giletti e la sua “Non è l’arena”

Dario Bressanini su Twitter si scaglia contro Massimo Giletti e la sua “Non è l’arena”

Il chimico e divulgatore scientifico Dario Bressanini si è scagliato su Twitter contro Massimo Giletti e il suo programma Non è l’arena, in onda su La 7. Il noto divulgatori scientifico, dopo mesi, è tornato a parlare dell’esperimento del tampone positivo al Kiwi del medico no-vax Leonardo Amici. Bressanini è un vero e proprio fiume in piena. In attesa della risposta di Giletti, in Tv o sui social, scopriamo nel dettaglio le parole del famoso divulgatore scientifico. (Continua a leggere dopo la foto)

Dario Bressanini su Twitter si scaglia contro Massimo Giletti e la sua “Non è l’arena”

Il chimico e divulgatore scientifico Dario Bressanini si sfoga su Twitter, mettendo in imbarazzo Massimo Giletti e tutti gli autori del noto programma di La 7, Non è l’arena. Attraverso il suo account, Bressanini scrive: «Mesi fa, prima che in TV la guerra spostasse dalle prime serate la pandemia, sono stato contattato da La7 per avere informazioni sui test e sul perché arancia e kiwi risultassero “positivi”. Anche se ero a fare la spesa mi sono messo a spiegare il perché erano delle ca**ate. Che nei video che giravano neanche compariva la linea di controllo, e che un dispositivo va usato solo nella maniera per cui è stato pensato, altrimenti non ha alcun valore. Fermo tra i surgelati ho fatto l’esempio più terra terra che mi veniva in mente: “Se una pillola anticoncezionale invece di mangiarla se la infila, beh, poi non si può lamentare se non funziona”. E poi via di spiegazioni sulle sequenze proteiche, sugli amminoacidi comuni a tutti gli esseri viventi etc».

Poi Dario Bressanini su Twitter continua: «Risposta dall’altra parte del telefono “Ho capito grazie, quindi non hanno alcun senso quel video”, “Eh no sono solo propaganda anti-vax. Alla fine mi dice “Senta, ma lei verrebbe in trasmissione a spiegare queste cose?”. “Beh, dipende, chi sarà presente?”. “Ci sarà il <INSERISCI QUI NOTO MEDICO CIALTRONE ANTIVAX>”. Non mi ha detto “Grazie il cialtrone non lo invitiamo più”. No! Pur ora consapevole che avrebbe detto caz***te lo avrebbero invitato lo stesso, e anzi sarebbero stati contenti se io avessi partecipato per contestarlo. Perché il circo deve continuare». (Continua dopo la foto)

Un racconto senza precedenti

Sempre sul suo profilo Twitter Dario Bressanini ha aggiunto: «Non mi avete visto in TV vero? Perché al circo non si partecipa. Gliel’ho detto al telefono (nel frattempo mi ero spostato nella più tiepida zona delle bevande), pur consapevole che le sue scelte erano dettate dall’alto. “Non voglio contribuire alla disinformazione mi spiace”. L’errore, di noi pubblico, è considerare i talk show come informazione. Non lo sono. Sono intrattenimento travestito da informazione. E la baruffa alza gli ascolti, e il giorno dopo i social ne parlano, e i giornali online li riprendono. Presentare informazioni false sapendo che sono false non è essere pluralisti. Se sei un giornalista non inviti uno a dire ‘fuori piove’ e l’altro a dire ‘c’è il sole’. Non sei un reggi-microfono. Il tuo mestiere è aprire la finestra e raccontare al pubblico come stanno le cose. Ho peccato anche io in passato (non avevo neppure chiesto chi altri partecipasse al “dibattito”). Ora cerco di stare più attento. Qualche talk show lo guardo ancora, ma se sento che ci sono ospiti impresentabili spengo la TV e prendo in mano un fumetto. Ne ho tanti arretrati!».

“Non è l’Arena”, Cacciari scatenato su Putin: “Armiamoci e andiamo a fare la guerra”

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor