Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Oggi è un altro giorno”, il dramma di Paolo Mengoli: “Dopo 22 anni ho scoperto che non è mia figlia”

“Oggi è un altro giorno”, il dramma di Paolo Mengoli: “Dopo 22 anni ho scoperto che non è mia figlia”

Paolo Mengoli ha partecipato alla trasmissione Rai “Oggi è un altro giorno”, condotta da Serena Bortone. Il cantate ha raccontato una notizia che lo ha colpito profondamente. Quella che pensava essere sua figlia Giulia, in realtà non lo è. La verità è venuta a galla solo dopo 22 anni.

Oggi è un altro giorno Paolo Mengoli

“Oggi è un altro giorno”, il dramma di Paolo Mengoli

Paolo Mengoli si è raccontato a Serena Bortone nel corso della puntata di “Oggi è un altro giorno”, in onda su Rai 1 mercoledì 25 maggio. La protagonista di questa vicenda è la figlia Giulia. Il cantante, popolare negli anni ’80, ha scoperto dopo aver effettuato un test del Dna, che la figlia non è biologicamente sua. “La vicenda non è risolta, ho fatto il disconoscimento ma con tanta amarezza, mi ero accorto che non c’era più amore e questo mi è costato molto”, ha spiegato Mengoli.

Il cantante ha spiegato che il rapporto con la figlia non era dei migliori, anche perché la madre le parlava male di lui. “A me dispiace troppo per lei perché ha dato retta alla madre. In certi momenti sono stato denigrato, mi dicevano Cambia mestiere perché tanto sei finito. Io mi auguro che un giorno venga a sapere la verità su chi è il padre”.

Leggi anche: “Le Iene”, ospite Stefano De Martino: cosa ha detto Belen

Paolo Mengoli, come ha scoperto la verità sulla figlia

Come ha scoperto il cantante che Giulia non era veramente sua figlia? Durante un diverbio, lei si era fatta scappare la frase “tu non sei mio padre”. A quel punto il cantante ha spiegato di aver iniziato ad avere dei sospetti, giungendo alla conclusione di dover verificare la sua paternità in qualche modo. “La mia testa ha cominciato a frullare, alla fine si è dimostrato così. Il mio rammarico è non averle potuto parlare. I figli sono di chi li cresce. Se io decido di adottare e cresco un figlio lo sento mio, se decido di prendere in affido un figlio è lo stesso, a me ha dato fastidio l’inganno. Dal momento che sono uscito di casa, l’ho vista cinque anni dopo”.

Nonostante tutto Paolo Mengoli non è arrabbiato con la ragazza, anzi le augura il meglio. “Le auguro tutta la felicità possibile. Le auguro che il bambino che ha avuto cresca bene, le auguro di dare più retta a sé stessa, non agli altri”.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004