Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Incidente d’auto per i genitori di Stefano Cucchi, la sorella: “Non è giusto che il responsabile la faccia franca”

Incidente d’auto per i genitori di Stefano Cucchi, la sorella: “Non è giusto che il responsabile la faccia franca”

I genitori di Stefano Cucchi sono rimasti coinvolti in un brutto incidente stradale. Una nuova sfida per la figlia e sorella di Stefano, Ilaria Cucchi. La donna lotta da anni contro l’ingiustizia che ha ricevuto suo fratello, picchiato a morte da due carabinieri. Ora deve affrontare anche il fatto che il responsabile dell’incidente dei suoi genitori, è scappato.

L’incidente dei genitori di Stefano Cucchi

I genitori di Ilaria e Stefano stavano viaggiando e un altro veicolo ha urtato la loro auto. I due sono rimasti feriti e sono finiti in ospedale. A parlare della vicenda Ilaria Cucchi. “Chi ha visto qualcosa si faccia avanti, non è giusto la faccia franca”, ha scritto la donna su Facebook raccontando l’episodio. Insomma il responsabile dell’incidente avrebbe fatto perdere le sue tracce. “Un grosso veicolo pirata questa mattina ha urtato quest’auto mentre percorreva l`autostrada Roma-Civitavecchia all`altezza Monte Romano, mandandola in testa coda”, ha spiegato Ilaria.

“Sono esplosi tutti i vetri dei finestrini. A bordo vi viaggiavano i miei genitori che sono finiti in ospedale assieme ai due accompagnatori”. I genitori della donna fortunatamente non sono in condizioni critiche. “Sono in corso accertamenti medici ma per fortuna pare che mia madre si sia rotta soltanto una spalla e mio padre un ginocchio. Sto cercando di capire le condizioni dei due accompagnatori che sono stati ricoverati in un ospedale diverso. Il conducente del veicolo investitore è scappato. La polizia stradale sta indagando”, ha aggiunto.

Leggi anche: “Sei sorelle”, su Rai1 arriva la serie con Alex Gadea: tutto quello che c’è da sapere

L’omicidio di Stefano Cucchi

Stefano, il fratello di Ilaria, è stato ucciso da due carabinieri, che lo picchiarono a sangue. I militari dell’arma lo beccarono in possesso di droga e il ragazzo, che aveva soli 31 anni, fu arrestato. Due carabinieri pestarono, lui rifiutò le cure mediche e affrontò il processo. Morì all’alba del 22 ottobre; al momento del decesso pesava solamente 37 chilogrammi.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004