Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Caso Ferragni-Balocco, interviene la Guardia di Finanza

Personaggi TV. Da giorni tiene banco la questione legata al pandoro-gate della Balocco in collaborazione con Chiara Ferragni. Il 15 dicembre l’Antitrus ha sanzionato la società dell’influencer per pratica commerciale scorretta. Le due aziende, infatti, avrebbero fatto credere ai consumatori che acquistando il pandoro in edizione limitata, parte del ricavato sarebbe andato in beneficenza. La verità invece, è che la Balocco aveva già donato 50mila euro all’ospedale mesi prima e le società di Chiara ha solo incassato tutto il ricavato dalle vendite. La multa ammonta a un milione di euro, e proprio oggi ha deciso di intervenire la Guardia di Finanza.

Leggi anche: “Fa pena”. Caso pandoro, interviene Wanna Marchi e annienta Chiara Ferragni

Leggi anche: Caso Pandoro, chi è l’avvocato di Chiara Ferragni: la sua strategia per difenderla

guardia di finanza

Le scuse di Chiara Ferragni

Nono sono bastate le scuse con gli occhi lucidi che Chiara Ferragni ha fatto pubblicamente con un video sui social. Non è bastato il suo gesto di donare un milione di euro in beneficenza più il resto all’ospedale regina Margherita di Torino. Ma quello che più a fatto discutere sul video scuse di Chiara, è stato il suo aspetto: secondo alcuni presentarsi senza trucco con addosso una tuta grigia sia stata una scelta strategica per impietosire e simulare dispiacere. Davanti alle telecamere di Striscia la Notizia, l’influencer ha anche dichiarato che per le prossime volte dividerà completamente le operazioni commerciali da quelle di solidarietà. Intanto su Instagram l’influencer più famosa d’Italia ha perso già qualche migliaia di followers. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Chiara Ferragni, scoperta choc sul video delle scuse: da chi ha “copiato”

Interviene la Guardia di Finanza

Oggi 21 dicembre il nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano, su delega della Procura, acquisirà dall’Antitrust, tutti i documenti necessari per accertare irregolarità nel caso dei pandori griffati Ferragni. Nei prossimi giorni, secondo quanto riporta Ansa, l’inchiesta è al momento è senza indagati e senza titolo di reato. L’inchiesta è stata aperta dopo che le associazioni Codacons e Assourt hanno presentato un esporto per truffa aggravata.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure