Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Marino Bartoletti, lo straziante annuncio sul tumore: quali sono le aspettative di vita

Personaggi tv. Marino Bartoletti parla del tumore: le aspettative di vita. Marino Bartoletti, classe 1949, è un giornalista, conduttore televisivo, autore televisivo e scrittore italiano.Bartoletti lo scorso marzo ha scoperto di essere malato. Immediatamente sono iniziate le cure e un periodo piuttosto difficile per il noto personaggio tv. Il giornalista e conduttore Marino Bartoletti ha deciso di raccontarsi in una lunga intervista concessa al quotidiano Il Corriere della Sera. Bartoletti ha parlato della sua carriera, iniziata prima sulla carta stampata per testate come Il Giorno ed Il Guerin Sportivo, redazione sportiva diretta da Gianni Brera per cui, ha spiegato il giornalista, sognava da sempre di poter lavorare. Poi per la prima volta si è lasciato andare anche ad un commento sulla sua malattia(Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Gianluca Vialli, l’ultimo vocale a Marino Bartoletti commuove tutti: il video

Leggi anche: “Oggi è un altro giorno”, Marino Bartoletti parla di Vialli: ecco come sta

Leggi anche: Fabio Fazio lascia la Rai, ma chi ci rimette davvero? L’affondo del volto noto della tv

Leggi anche: Gianluca Vialli, parla la dottoressa che era nell’equipe che l’ha operato

Marino Bartoletti parla del tumore: le aspettative di vita

Marino Bartoletti si è concesso una lunga intervista in occasione dell’uscita del suo ultimo libro La Partita degli dei, dedicato a Gianluca Vialli “che ci ha insegnato la gentilezza persino nell’addio”. Il giornalista ha commentato così la qualità dell’allenatore: “È rara. E per questo siamo costretti a prenderne atto quasi con stupore. Nel caso di Gianluca, si sentiva tutto l’influsso educativo della sua famiglia nella gentilezza, l’educazione, la simpatia. Lui ci aveva aggiunto la cazzaggine: era un ragazzo meraviglioso”.

Poi il giornalista ha parlato anche della sua carriera: “Sognavo il Guerin Sportivo, avevo già il prurito alle mani e la Lettera 32: se penso a quanti posti nel mondo ha visto quella macchina per scrivere, penso di aver realizzato quel sogno. Sentire quel ticchettio mi dà ancora un colpo al cuore quando mia nipote mi chiede di giocare con le vecchie “tastiere”. Aldo Giordani mi notò per la rivista Pressing che facevo da solo a Forlì e mi disse di andare a Milano a parlare con Gianni Brera, direttore del Guerino. Andai in stazione, inseguito da mia madre che mi chiedeva cosa ci fosse a Milano che non c’era a Forlì. Risposi che “c’era la Madonnina, mi assisterà lei”. Si tranquillizzò”. Infine, Bartoletti ha parlato anche della sua malattia.

“Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva”

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure