Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Caro carburante, arrivo lo sciopero dei benzinai: segnatevi queste date

Caro carburante, arrivo lo sciopero dei benzinai: segnatevi queste date

sciopero benzinai quando

Sciopero benzinai quando. Il caro carburante continua a martoriare il nostro paese. Il taglio delle accise aveva fatto respirare gli italiani, ma dal 1° gennaio 2023 il prezzo è salito nuovamente. Il Governo Meloni sembra irremovibile sull’argomento. Si possono aiutare gli italiani sui rincari di luce e gas, ma sembra non ci siano speranze sul caro carburante. È in arrivo dunque lo sciopero dei benzinai, che vogliono salvaguardare la categoria. (Continua…)

LEGGI ANCHE: Benzina, attenzione ai prezzi esposti: il “trucchetto” alla pompa

Quando ci sarà lo sciopero dei benzinai

Il prezzo della benzina resta alle stelle. In alcune regioni tocca anche quota due ore al litro. Gli italiani ormai preferiscono usare i mezzi di trasporto o spostarsi a piedi. Andare in giro con la macchina, infatti, è diventato insostenibile. Il Governo sembra irremovibile sul tema accise. Lo sconto sulla benzina aveva aiutato gli italiani negli ultimi giorni dell’anno, ma dal 1° gennaio 2023 è tornato tutto come prima. È così che i benzinai hanno annunciato uno sciopero per “porre fine a questa ‘ondata di fango’ contro una categoria di onesti lavoratori”. Nei due giorni di stop è previsto anche un presidio a Montecitorio. I benzinai insomma si muovono per far fronte all’emergenza e soprattutto per difendere la propria categoria. Di seguito vi sveliamo quali date bisogna segnare sul calendario. (Continua dopo la foto…)

LEGGI ANCHE: Benzina, in questo posto conviene farla: costa veramente pochissimo

Le date

I benzinai hanno annunciato uno sciopero nei giorni 25 e 26 gennaio. La decisione è stata presa per “porre fine a questa ‘ondata di fango’ contro una categoria di onesti lavoratori”. Nei due giorni di sciopero è previsto anche un presidio a Montecitorio.

Nella nota diffusa da Faib-Confesercenti, Fegica e Figisc-Confcommercio si legge: “Per porre fine a questa ‘ondata di fango’ contro una categoria di onesti lavoratori e cercare di ristabilire la verità, le associazioni dei gestori, unitariamente, hanno assunto la decisione di proclamare lo stato di agitazione della Categoria, su tutta la rete; di avviare una campagna di controinformazione sugli impianti e proclamare, per le giornate del 25 e 26 gennaio 2023, una prima azione di sciopero, con presidio sotto Montecitorio“.

La nota poi prosegue tirando in ballo anche il Governo: “Il Governo aumenta il prezzo dei carburanti e scarica la responsabilità sui Gestori che diventano i destinatari di insulti ed improperi degli automobilisti esasperati. È stata avviata contro la categoria una campagna mediatica vergognosa. Quindi è stato dichiarato lo stato di agitazione su tutta la rete e lo sciopero contro il comportamento del Governo“.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure