Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Isolamento Covid, arrivano nuove regole: l’annuncio Schillaci

Isolamento Covid, arrivano nuove regole: l’annuncio Schillaci

Isolamento Covid in Italia, cambiano le regole: qual è la linea del governo Meloni – Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha fatto un importante annuncio all’«Adnkronos Salute» poco prima di entrare nella decima Commissione del Senato, dove ha spiegato le linee programmatiche del suo dicastero. Il decreto con le nuove indicazioni per l’isolamento e i positivi al Coronavirus “arriverà a breve, sicuramente prima di Natale”. Leggi anche l’articolo —> Quinta dose, chi potrebbe farla: l’allarme degli esperti

Isolamento Covid, arrivano nuove regole: l’annuncio Schillaci

Arriveranno prima di Natale le nuove regole su modalità e durata dell’isolamento Covid. Il decreto con la revisione dell’isolamento per i positivi al Covid, 5 giorni senza test alla fine per gli asintomatici, sarà messo a punto prima di Natale. Lo ha ha detto all’«Adnkronos Salute» il ministro della Salute Orazio Schillaci, prima di entrare nella decima Commissione del Senato per illustrare le linee programmatiche del suo dicastero. Nel suo intervento il ministro ha spiegato che “è in corso di finalizzazione la revisione della bozza del nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale, a seguito delle osservazioni delle Regioni e del Gruppo consultivo nazionale sulle vaccinazioni. Auspico che in tempi brevi si possa avviare l’iter per la condivisione del piano in Conferenza Stato-Regioni. Il nuovo piano prevede il Calendario vaccinale separato dal documento principale, in modo da poterne rendere più agevole l’aggiornamento in caso di modifiche delle schedule vaccinali e di inserimento di nuovi vaccini”. (continua a leggere dopo le foto)

Covid nuove regole
Covid nuove regole

Quale sarà il prossimo impegno del ministro

“È sempre attuale la carenza dei medici e degli operatori sanitari che ormai va inquadrata come emergenza del personale sanitario. La pandemia ha reso maggiormente evidenti le criticità sia per quanto attiene il personale medico che delle altre professioni sanitarie. Il mio impegno sarà finalizzato alla rivalutazione del trattamento economico di chi opera nel Servizio sanitario nazionale. In tale direzione va la norma che ho fatto inserire nella legge di bilancio, all’articolo 93, finalizzata a riconoscere, per le particolari condizioni di lavoro svolto dal personale della dirigenza medica e dal personale del comparto operante nei pronto soccorso, un incremento dell’indennità con un impegno di spesa di 200 mln di euro l’anno, di cui 60 mln per la dirigenza e 140 mln per il comparto sanitario”, ha detto Schillaci. E ancora: “Il mio prossimo impegno sarà di anticipare la decorrenza al 2023 e lavorare con le Regioni per poter destinare non appena sarà possibile un maggior finanziamento per retribuire meglio tutti gli operatori sanitari per rendere maggiormente attrattivo il lavoro”, ha ribadito il ministro della Salute del governo Meloni. (continua a leggere dopo le foto)

Covid nuove regole

Isolamento Covid, le nuove regole: parla Schillaci

Già in un’intervista a “Libero Quotidiano” Schillaci aveva fatto capire cosa ne pensava delle regole anti Covid e dei prossimi interventi dell’esecutivo: “Sul Covid è tempo di dare un messaggio di discontinuità con il passato. La popolazione è esasperata, perfino in Cina ormai si ribellano a chiusure e divieti. Siamo entrati in un’altra fase, non più degli obblighi ma della persuasione: responsabilizzare i cittadini, non obbligarli”. Il ministro in quella stessa occasione aveva aggiunto: “Non rimetteremo l’obbligo vaccinale e saremo sempre attenti a mediare il diritto alla salute con il rispetto delle libertà personali”. Leggi anche l’articolo —> Obbligo vaccinale, arriva l’annuncio del ministro Schillaci: «Decisione definitiva»

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure