Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Filippo Turetta, l’hanno trovato: ecco dove si nascondeva

Filippo Turetta, l’hanno trovato: ecco dove si nascondeva

Filippo Turetta è stato trovato, le forze dell’ordine hanno arrestato il ragazzo primo e unico sospettato della morte di Giulia Cecchettin. Il fermo è arrivato ad una settimana dalla fuga e poche ore dopo il ritrovamento del cadavere della ragazza in un dirupo vicino al lago Barcis, in provincia di Pordenone. Dove si trovava Filippo Turetta? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Giulia Cecchettin, le prime parole del padre dopo la morte

Leggi anche: Giulia Cecchettin trovata morta, i genitori di Filippo rompono il silenzio

Filippo Turetta è stato arrestato in Germania

Filippo si stava muovendo nella sua auto, la Grande Punto nera, quando è stato arrestato in Germania, durante la notte dalle autorità tedesche, riporta Il Resto del Carlino. La cattura è avvenuto a Sud del Paese. Sul ragazzo di 22 anni pendeva un mandato internazionale. Si sospettava infatti, che il giovane fosse riuscito a varcare il confine con l’Austria. Dallo scorso venerdì, Filippo Turetta è stato indagato per tentato omicidio ma con il ritrovamento di Giulia l’accusa è passata a omicidio, forse anche premeditato. Spuntano fuori retroscena da brividi. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Filippo Turetta, l’auto in Austria: dove sarebbe ora, le ultime notizie

Leggi anche: Giulia Cecchettin morta, l’ultimo orrore scoperto poco fa: cos’ha fatto Filippo

Filippo Turetta ha progettato di uccidere Giulia?

Secondo la più recente ricostruzione dei fatti, Filippo avrebbe ucciso Giulia nella notte tra sabato 11 e domenica 12 novembre per poi liberarsi del corpo della ragazza vicino al lago di Barcis. Poi ha avuto inizio la sua fuga verso l’Austria. L’auto del giovane era stata avvistata l’ultima volta alcuni giorni fa, a Lienz e in Carinzia dove il sistema targa-system ha fotografato il passaggio del mezzo. Il sospetto ora, è che avesse programmato in anticipo la fuga. (Continua dopo le foto)

Nuovi indizi su Filippo Turetta

I genitori di Filippo hanno collaborato sin da subito con i carabinieri, fornendo elementi importanti dell’indagine. Tra i suoi effetti personali, gli inquirenti hanno trovato nel suo pc ricerche su mappe per espatriare e per kit di sopravvivenza. Filippo si era già preparato all’omicidio e alla fuga?

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2023 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure