Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Ragazzi morti nel Natisone, il gesto di amicizia gli è costato la vita?

Ragazzi morti Natisone gesto amicizia

Ieri, domenica 2 giugno 2024, sono stati trovati i corpi di Patrizia e Bianca, due dei tre ragazzi travolti dalla piena del fiume Natisone lo scorso venerdì. A tre giorni di distanza dalla vicenda che ha commosso l’Italia intera, spuntano fuori nuovi dettagli. E pare che alla base della tragedia possa esserci un ultimo gesto di amicizia compiuto dai ragazzi morti nel Natisone. La loro scelta, infatti, potrebbe essergli costata la vita. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Terremoto in Italia, forte scossa nella notte

Leggi anche: “Sono loro”. Ultim’ora – Ragazzi dispersi, la tragica notizia. Cosa sta succedendo

Ragazzi morti nel Natisone, il gesto di amicizia che gli è costato la vita

Il ritrovamento dei corpi delle ragazze

Il Natisone ha restituito i corpi di Patrizia e Bianca. Una delle due si trovava a 700 metri dal ponte Romano, dove i tre erano stati avvistati prima che venissero travolti dalla corrente. Quasi negli stessi minuti, è riaffiorato anche il corpo dell’altra ragazza a 300 metri dall’amica. La corrente l’aveva spinta in una zona con anfratti e vegetazione, fino a poche ore prima coperta dal fango trascinato a valle dalla piena di colore marrone. I soccorritori non hanno ancora trovato il corpo di Christian e le ricerche proseguono. Purtroppo si è avverato ciò che tutti temevano: le due ragazze non sono sopravvissute alla violenza della piena del Natisone. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Dispersi nel Natisone, la Procura ha preso un’importante decisione

Leggi anche: Dispersi nel Natisone, emerge un elemento preoccupante su una delle ragazze: cosa si sa

Ragazzi morti nel Natisone: emergono nuovi dettagli

Le speranze dei soccorritori di trovare i ragazzi vivi erano pochissime: il Natisone scaricava a valle qualcosa come 250 metri cubi d’acqua al secondo, una velocità decisamente molto elevata. Altri elementi sono stati resi noti soltanto in seguito al ritrovamento delle giovani. Alcuni testimoni oculari avevano chiaramente visto almeno una delle persone coinvolte sbattere violentemente contro le rocce che si trovano poco oltre il ponte Romano. Inoltre, la temperatura dell’acqua era rigidissima: anche se fossero riuscite a raggiungere un argine, non sarebbero sopravvissute a causa dell’ipotermia. Sarà, comunque, l’inchiesta della Procura della Repubblica di Udine a verificare la causa esatta della morte delle due ragazze. Intanto si è scoperto un altro particolare su una delle due giovani.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure