Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Natisone, il retroscena agghiacciante sulla telefonata di Patrizia Cormos ai soccorsi

natisone

Social. Sono in corso le indagini sulla tragedia del Natisone che ha scosso l’Italia intera e in cui hanno perso la vita due ragazze, Patrizia e Bianca. Il corpo di Cristian, invece, non è ancora stato ritrovato. Gli interrogativi sono ancora tanti e nelle ultime ore è emerso il giallo delle telefonate fatte da Patrizia Cormos ai soccorsi. In molti si sono chiesti se i soccorritori avrebbero potuto fare di più e chiedono maggiore chiarezza su quanto è accaduto. Scopriamo insieme gli ultimi aggiornamenti su questa terribile tragedia. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Incidente choc, il bus di pellegrini precipita nel burrone: ci sono morti e feriti (VIDEO)

Leggi anche: Lutto per Giorgia, l’addio sui social dopo la straziante notizia (FOTO)

natisone

Natisone, il retroscena agghiacciante sulle telefonate di Patrizia ai soccorsi

Patrizia Cormos e Bianca Doros hanno perso la vita dopo essere scomparse nella piena del Natisone, a Premariacco. Insieme alle due giovani ragazze, quel giorno, c’era anche Cristian. Il suo corpo, però, non è ancora stato ritrovato. La rabbia del fratello è ancora tanta, così come i numerosi punti interrogativi. I familiari e le persone del posto chiedono risposte. Nelle ultime ore è emerso il giallo delle telefonate fatte da Patrizia ai soccorsi. Uno dei prossimi passaggi che dovrà compiere la Procura di Udine sarà quello di chiarire quanti operatori  del Numero Unico per le Emergenze 112 abbiano interagito al telefono con Patrizia. (Continua a leggere dopo la foto)

natisone

Natisone, il giallo delle quattro chiamate al 112

Natisone. Secondo quanto emerso sino ad oggi, Patrizia Cormos avrebbe telefonato quattro volte al Numero Unico per le Emergenze 112 , ma il secondo tentativo fallì perché la linea cadde subito e non ci fu contatto tra il richiedente e l’operatore. Da quanto si è appreso sembrerebbe che ci sia stato più di un interlocutore a raccogliere la richiesta di aiuto di Patrizia, mentre il livello delle acque del Natisone iniziava ad alzarsi rapidamente. Il flusso di richieste di Sos al 112 è sempre molto elevato e operano almeno una decina di operatori in servizio continuativo e contemporaneo. Il fatto che la giovane ragazza potrebbe essere riuscita a parlare con più di un operatore, non pregiudica il servizio di soccorso. Chi si trova al centralino, ha davanti a sé un monitor sul quale compaiono le richieste pervenute e gli interventi che sono stati eventualmente disposti. Per tale motivo, un secondo, o addirittura un terzo operatore che fosse entrato in contatto con Patrizia avrebbe saputo immediatamente a quale situazione stesse facendo riferimento e quali provvedimento erano stati decisi.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure