Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

La pasta del noto marchio ritirata dai supermercati: cos’hanno scoperto

Eataly richiama agnolotti di borragine a marchio "Plin"

Social. La pasta del noto marchio ritirata dai supermercati: cos’hanno scoperto. Un richiamo alimentare è un’azione intrapresa per rimuovere un prodotto alimentare dal mercato per ridurre al minimo o prevenire un rischio per la salute e la sicurezza pubblica. A differenza del ritiro, il richiamo comporta una comunicazione esplicita da parte dell’azienda ai consumatori e ai rivenditori, informandoli sul motivo per cui il prodotto non dovrebbe essere consumato o utilizzato. In queste ore ben trentacinque lotti di un prodotto alimentare confezionato sono stati tolti dal commercio per la presenza di alcaloidi in eccesso. (Continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Allarme in Italia, scatta il ritiro alimentare per rischio chimico

Leggi anche: Esselunga, scatta il ritiro di questo prodotto: cos’hanno scoperto

Leggi anche: Allerta alimentare, ritirato un noto salame italiano dai supermercati

Leggi anche: Allarme alla Lidl: scatta il ritiro per il famoso prodotto. Non mangiatelo: cos’hanno scoperto

Eataly richiama agnolotti di borragine a marchio “Plin”

Come riportato da Ricetta Sprint, il richiamo alimentare è avvenuto da parte della catena Eataly (il richiamo ufficiale) per la presenza di alcaloidi in eccesso nel prodotto segnalato. I 35 lotti fanno capo agli Agnolotti di borragine che riportano il marchio PLIN. Il produttore è il Pastificio Vallebelbo Srl. Ed ogni confezione ha un peso che varia dai 300 grammi fino ad un chilo. I lotti segnalati sono i seguenti: 2310093, 2310097, 2310101, 2310109, 2310114, 2310122, 2310124, 2310128, 2310136, 2310143, 2310149, 2310157, 2310159, 2310164, 2310171, 2310185, 2310192, 2310199, 2310214, 2310219, 2310222, 2310241, 2310248, 2310262, 2310269, 2310276, 2310283, 2310289, 2310290, 2310304, 2310311, 2310312, 2310318, 2310326 e 2310332.

Per quanto riguarda le date di scadenza o termini minimi di conservazione alle quali dovere fare riferimento, occorre controllare che siano comprese tra il 30/04/2023 ed il 05/01/2024. Sono infatti queste ad essere state sottoposto a richiamo. Questi articoli non vanno assolutamente consumati, per non rischiare il sorgere di possibili intossicazioni. A scopo precauzionale quindi la merce indicata va riconsegnata al punto vendita dove la stessa è stata acquistata. Questo darà il diritto di ottenere un rimborso od una sostituzione.

“Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva”

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure