Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Pioggia, perché c’è della sabbia: da dove arriva e come

pioggia

Social. Pioggia, perché c’è della sabbia? Domenica mattina, 9 giugno 2024, gli italiani si sono svegliati trovando le loro auto coperte da uno strato rosso-marrone. A prima vista si potrebbe pensare alla sabbia del Sahara, ma in realtà si tratta di polveri più sottili che vengono sollevate dai venti. Scopriamo insieme maggiori dettagli su questo particolare fenomeno. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Crolla terrazza di un locale, ci sono morti e feriti

Leggi anche: Natisone, la gravissima accusa del legale: cosa sta accadendo

pioggia

Pioggia, perché c’è della sabbia: cosa è successo

Domenica mattina, 9 giugno 2024, i cittadini italiani si sono svegliati trovando le loro auto ricoperte strato rosso-marrone. A prima vista, in molti hanno pensato alla sabbia del Sahara. In verità, però, si tratta di polveri molto più sottili che vengono sollevate dai venti. Il fenomeno è noto come “pioggia rossa” o “pioggia di sabbia” ed è dovuto al trasporto di particelle molto fini e leggere provenienti dal deserto del Sahara. Il loro diametro è di circa venti micron, di gran lunga distante dai granelli di sabbia che risultano essere troppo pesanti per poter essere trasportati a tali distanze. Ma quali sono le condizioni meteo che favoriscono l’insorgere di questo particolare fenomeno? Scopriamolo insieme. (Continua a leggere dopo la foto)

Gli impatti sulla salute

Dopo essere caduta con la pioggia, la polvere sahariana si deposita su carrozzerie e vetri, risultando molto difficile da rimuovere. Questo è dovuto dalle sue particelle molto fini che aderiscono molto bene alle superfici. La polvere sahariana contribuisce al particolato sottile, PM2.5 e PM10, nell’atmosfera, aggravando le condizioni di salute di chi soffre di asma o di altre malattie respiratorie. Queste polveri contengono anche alte concentrazioni di ferro e fosforo. Si tratta di due elementi vitali per la fotosintesi degli esseri viventi marini. Uno studio del 2014 ha stimato che oltre il 70% del ferro disponibile per gli esseri fotosintetici dell’Atlantico proviene proprio dalle polveri sahariane, rendendo queste particelle dei veri e propri fertilizzanti naturali essenziali.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure