Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Maurizio Mattioli e quel grave lutto che ancora lo tormenta: «Mi è cascato tutto addosso»

Maurizio Mattioli e quel grave lutto che ancora lo tormenta: «Mi è cascato tutto addosso»

MAURIZIO MATTIOLI LUTTO

SOCIAL. Maurizio Mattioli, parla ancora di quel lutto che non riesce proprio a superare. L’amato attore italiano continua a parlare della tragica perdita che è riuscito a superare solo dopo tanti anni. Il dramma del lutto e i traumi da ragazzino sono tutti raccontati in una commovente intervista.

>> Nino D’Angelo visita l’ospedale Monaldi di Napoli: “Mi sono molto emozionato”

Maurizio Mattioli: Grave lutto

Di recente Maurizio Mattioli a causa di un lutto è sparito dalle scene. Ma non c’è da stupirsi, infatti la riservatezza è un tratto caratteristico dell’attore che di cerco non ama far parlare di sé. Ma questo non lo ha ferrato da essere uno dei personaggi della televisione e del teatro più famosi e amati d’Italia. Di recente “esce” allo scoperto confessandosi in una lunga intervista dove decide di parlare di un grave lutto che ha superato solo dopo tanti anni. E anche di un grosso trauma che ha subito quando era solo un ragazzino.

MAURIZIO MATTIOLI LUTTO

Il grave lutto di cui parla Maurizio Mattioli ebbe luogo più di 20 anni fà. “Era il 2004 quando sua moglie Barbara Divita venne a mancare dopo essere rimasta paralizzata per sette anni a causa di un incidente stradale. I due erano sposati dal 1977 e non avevano avuto figli. «L’incidente di mia moglie è stato un colpo terribile, mi è cascato tutto addosso»

MAURIZIO MATTIOLI LUTTO

>> Morte Sinisa Mihajlovic, interviene Guariniello: le sue dichiarazioni faranno discutere

Il trauma che gli cambia la vita

Dopo l’incidente infatti la loro vita è cambiata irrimediabilmente, fino a quando purtroppo la donna è venuta a mancare. Per l’attore è stata una tragedia immensa dopo aver sofferto per tutti quegli anni. Dopo questo grave lutto per Maurizio Mattioli la vita non è stata più la stessa. Nella depressione ricorda anche gravi traumi che ha dovuto elaborare come quello che lo portò ad essere arrestato per spaccio di cocaina, nel 1995, ed è rimasto per un mese nel carcere di Poggio Reale. Un anno dopo è stato assolto. “Un mese a Poggio Reale e da incensurato, assolto in primo grado dopo appena quindici minuti di processo. Una follia totale. E una batosta che poteva azzerarmi. Io ero solo un cretino che qualche volta l’ha provata, mai venduta, mai spacciata, come poi hanno capito gli inquirenti” ha raccontato.

>> Pelè, il comunicato ufficiale dall’ospedale

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure