Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Virus sinciziale nei bambini, ecco i sintomi da non sottovalutare: picco di casi a Capodanno

Virus sinciziale nei bambini, ecco i sintomi da non sottovalutare: picco di casi a Capodanno

Oltre all’influenza australiana, aumentano in Italia sempre più i casi di virus sinciziale tra bambini e neonati. Secondo gli esperti, la malattia si sta diffondendo con più forza rispetto allo scorso anno, facendo registrare diversi ricoveri soprattutto sotto i 2 anni. Il picco è previsto tra fine dicembre e inizio gennaio, proprio nel mezzo delle festività natalizie. A fare il punto della situazione Luigi Orfeo, direttore dell’Unità operativa complessa di Pediatria, Neonatologia e Terapia Intensiva neonatale al Fatebenefratelli di Roma. Leggi anche l’articolo —> Tragedia a Rimini, bimbo di 18 mesi muore dopo sei giorni di agonia

virus sinciziale bambini sintomi

Virus sinciziale nei bambini, i sintomi da non sottovalutare: picco di casi a Capodanno

“Siamo in piena epidemia, il virus respiratorio sinciziale sta avendo lo stesso andamento del virus influenzale e sta portando ad un elevatissimo numero di contagi e ricoveri anche in terapia intensiva neonatale perché può causare la bronchiolite e portare ad insufficienza respiratoria e necessitare anche di ricovero nelle terapie intensive neonatali e pediatriche”, ha spiegato all’Ansa Luigi Orfeo, presidente della Società Italiana di Neonatologia, commentando la forte preoccupazione che sta causando in questi giorni la diffusione del Virus Respiratorio Sinciziale (Rsv) nei bambini. (continua a leggere dopo le foto)

virus sinciziale bambini sintomi
Whole family suffering from cold at home

Cosa ha detto il presidente della Società Italiana di Neonatologia Luigi Orfeo

“Bisogna stare molto attenti che i bambini non stiano a contatto con persone che hanno delle infezioni respiratorie”, ha spiegato sempre il professor Orfeo, che è anche membro del Comitato Scientifico di ASM. “Quando si entra in casa, dove c’è un bambino piccolo, bisogna lavarsi accuratamente le mani, evitare di baciarlo, evitare di fumare in casa. Riconoscere i sintomi può non essere facile perché queste malattie possono simulare un banale raffreddore, ma se dovesse comparire una tosse secca e stizzosa, insistente, se si dovesse presentare una difficoltà respiratoria, con un aumento della frequenza e anche della rumorosità del respiro e se il bambino rifiutasse il cibo, ecco questi sono tutti segnali che la malattia sta progredendo, che la gravità aumenta e bisogna quindi immediatamente portarlo dal pediatra per valutare il ricovero”, ha chiarito l’esperto illustrando i sintomi da non sottovalutare. (continua a leggere dopo le foto)

virus sinciziale bambini sintomi

Virus sinciziale nei bambini, quali sono i sintomi: cosa non fare assolutamente

Il virus respiratorio sinciziale, sul quale hanno messo in guardia anche le autorità sanitarie europee, come dicevamo, può essere molto pericoloso per i bambini molto piccoli, proprio perché provoca broncheoliti, patologie respiratorie che possono condurre in ospedale. Nei nosocomi pediatrici italiani ci sono infatti al momento molti bambini ricoverati per questa patologia. Quali sono i segnali? Tosse secca e stizzosa, difficoltà respiratorie con aumento della frequenza e della rumorosità del respiro, ma anche inappetenza. In presenza di questi segnali occorre rivolgersi al pediatra. Nei più grandi si presenta, invece, come un virus respiratorio non particolarmente violento, che va dunque affrontato come un’influenza. Leggi anche l’articolo —> Influenza 2022, le raccomandazioni del Ministro Schillaci: mascherine e vaccino

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure