Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Porta a Porta”, Bruno Vespa sbotta contro gli autori: “Adesso basta” (VIDEO)

News tv. “Porta a Porta”, Bruno Vespa sbotta contro gli autori: “Adesso basta!” – Clima incandescente all’ultima puntata di Porta a Porta in onda ieri, lunedì 10 giugno 2024. All’indomani delle elezioni Europee, nel salotto televisivo di Rai 1 Bruno Vespa ha ospitato alcuni esponenti del mondo politico per commentare l’esito del voto. Ci sono stati momenti di tensione, alcuni dibattiti sono stati particolarmente vivaci. Tra questi quello con protagonista Marco Furfaro del PD. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Francesca Pascale e Paola Turci, il triste retroscena a “Belve” (VIDEO)

Leggi anche: “Pier Silvio ha detto no”: lui rifiuta il ritorno del Big

“Porta a Porta”, Bruno Vespa sbotta contro gli autori

Ad un certo punto Marco Furfaro del Partito Democratico, commentando Roberto Vannacci, eletto alle Europee tra le file della Lega, ha detto: “Io penso che sia tutto lecito e legittimo in politica, uno è di destra e l’altro è di sinistra. Però io credo che sia inaccettabile che nel servizio pubblico noi ascoltiamo un parlamentare europeo che dice che la Decima Mas ha avuto una stagione gloriosa”. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Chi è Milly Carlucci, tutte le curiosità sulla conduttrice italiana

Leggi anche: “Ballando con le Stelle”, il gesto di Milly Carlucci commuove

“Porta a porta”, Bruno Vespa perde la pazienza e sbotta

Bruno Vespa, seccato, ha interrotto l’ospite: “Intanto io non le consento che nel servizio pubblico non si possa ospitare un signore che ha preso 530.000 preferenze. Abbia pazienza. Punto primo. Poi punto secondo, la Decima Mas come ha detto Vannacci ha avuto due momenti. Io dico questo perché lei ha detto che non è possibile far parlare uno così nel servizio pubblico, eh no”. Immediata la replica dell’esponente del Pd Marco Furfaro: “La Decima Mas si è macchiata di crimini di guerra, di torture e di fucilazioni, è chiaro? Non è una stagione gloriosa. Per me è inaccettabile che si dica questo in tv. Se per lei questo è accettabile ci mancherebbe, la trasmissione è la sua. Io credo che un europarlamentare che dica questo, che Mussolini era uno statista sia gravissimo”.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure