Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Virologi italiani, che fine hanno fatto dopo la pandemia

Virologi italiani, che fine hanno fatto dopo la pandemia

Massimo Galli e Gianni Rezza sono tra quelli andati in pensione, Andrea Crisanti è passato dal laboratorio al Senato, Pier Luigi Lopalco è consigliere regionale in Puglia, mentre Antonella Viola scrive editoriali per quotidiani come “La Stampa”. Roberto Burioni, Matteo Bassetti, Massimo Andreoni, Walter Ricciardi, Fabrizio Pregliasco e Maria Rita Gismondo continuano invece con la loro attività di divulgazione sui social, ma talvolta anche in tv. C’è poi chi è passato dallo Spallanzani alla direzione della Prevenzione del ministero della Salute: Francesco Vaia. (continua a leggere dopo le foto)

Chi è sparito dai radar e non vediamo più in tv

Sono spariti dai “radar”: Giuseppe Ippolito, alla direzione Ricerca del ministero della Salute; Franco Locatelli, ancora presidente del Consiglio superiore di sanità, e Silvio Brusaferro che ha lasciato l’Iss ed è tornato all’attività accademica. Qualcuno si è dedicato alla scrittura: Matteo Bassetti ha scritti tre libri dal titolo ‘Una lezione da dimenticare’, ‘Il mondo è dei microbi’ e l’ultimo ‘Pinocchi in camice’. Gismondo uno: ‘Ombre allo specchio. Bioterrorismo, infodemia e il futuro dopo la crisi’. È di Pregliasco con ‘I superbatteri, una minaccia da combattere’. Galli è uscito in libreria con ‘Gallipedia’ e ‘Una banale influenza?’; mentre Crisanti ha scritto nel 2021 ‘Caccia al virus’. 

Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure