Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Sbranato vivo sotto gli occhi del padre: muore un bambino di 1 anno

Sbranato vivo sotto gli occhi del padre: muore un bambino di 1 anno

Un bambino di 1 anno è stato sbranato vivo da un coccodrillo davanti al padre. La tragedia è avvenuta nel fiume Sabah in Malesia, nella giornata di giovedì 1° dicembre. Il papà ha lottato invano contro l’animale, che aveva afferrato il suo bambino, ma è stato tutto inutile.

Bambino di 1 anno sbranato vivo da un coccodrillo davanti al padre

Bambino di 1 anno sbranato vivo da un coccodrillo davanti al padre

Il papà e il bambino erano usciti con la loro canoa per una battuta di pesca. Ad un certo punto della loro escursione, un coccodrillo è sbucato improvvisamente dall’acqua e ha afferrato il bambino di 1 anno, trascinandolo con sé. Il giovanissimo è stato strappato dalla canoa dal predatore mentre i due stavano pescando al largo della costa di Lahad Datu.

Il papà ha tentato di salvare il figlio ma nella lotta ha vinto il coccodrillo. L’animale è preso il bambino e per il piccolo non c’è stato nulla da fare. Gli abitanti di un vicino villaggio hanno sentito le urla dell’uomo, un 40enne membro della tribù Palauh, e sono subito accorsi ad aiutarlo. Tutti hanno visto che il coccodrillo aveva il bimbo tra le fauci e se l’è portato in fondo al fiume. A quel punto nulla più si poteva fare per recuperare il bambino dalle grinfie dell’animale.

LEGGI ANCHE: Regno Unito, morti 6 bambini a causa di un virus: scatta l’allarme

Le ricerche del corpo del bambino

Il padre del piccolo malcapitato è stato portato in ospedale perché aveva delle ferite sul corpo. Il capo della Lahad Datu Fire and Rescue Agency, Samoa Rashid, ha dichiarato aggiornato la stampa sulle condizioni dell’uomo. “Il padre ha riportato gravi ferite alla testa e al corpo. Il corpo del piccolo è ancora disperso e le operazioni di ricerca sono in corso”.

Il coccodrillo rappresenta ancora un pericolo per gli abitanti del villaggio, che devono pescare nelle acque del fiume Sabah, infestato dai pericolosi animali, per procurarsi cibo per vivere. “Molti residenti dipendono dal fiume per il loro cibo e sostentamento, quindi hanno bisogno di andare in acqua – ha spiegato Rashid, come riporta il Dailymail. “Li abbiamo avvertiti di questo pericolo e di stare particolarmente attenti perché è probabile che il coccodrillo sia ancora nell’area”, ha aggiunto.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure