Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Emanuela Orlandi, il misterioso ritrovamento dietro la statua dell’angelo

Emanuela Orlandi statua angelo

Nei giorni scorsi, è stato fatto un curioso ritrovamento che è subito stato collegato alla scomparsa di Emanuela Orlandi, che risale al 22 giugno del 1983 a Roma quando la giovane aveva appena 15 anni. In particolare, sono stati ritrovati tre oggetti misteriosi dietro la statua dell’Angelo dello scultore Giulio Monteverde, al cimitero monumentale Verano di Roma. Qual è il significato nascosto di questo oggetti? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Natisone, la scoperta sul telefono di Patrizia: cosa cercano gli inquirenti

Leggi anche: Pierina Paganelli, svolta nel caso: chi è indagato

Emanuela Orlandi, trovati 3 oggetti misteriosi dietro la statua angelo di Monteverde

Emanuela Orlandi, trovati 3 oggetti misteriosi dietro la statua angelo di Monteverde

Sono stati trovato tre oggetti misteriosi dietro la statua dell’angelo di Monteverde, che secondo alcuni, sarebbero legati al caso della sparizione di Emanuela Orlandi. Si tratta di un barattolo di vernice verde, arrugginito e riempito per metà, una chiave d’automobile vecchia, su cui ci sono quattro numeri (1-6-2-6), e di una moneta da cento lire, molto consumata, coniata nel 1956. I tre oggetti erano incastrati nell’intercapedine dietro l’angelo marmoreo di Monteverde. Perché sarebbero collegati al caso di Emanuela Orlandi? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: È nato Romeo, il campione italiano è papà per la quarta volta: il dolcissimo annuncio social

Leggi anche: Piccola Noemi, poco fa la notizia sulla bimba rapita 3 anni fa: l’annuncio del padre

Perché gli oggetti sarebbero collegati alla sparizione di Emanuela Orlandi

C’è un elemento comune che unisce la statua dell’angelo di Monteverde e Emanuela Orlandi. “La foto iconica della quindicenne con il nastro sulla fronte, stampata sui manifesti all’indomani della scomparsa (22 giugno 1983), oggi fornisce una traccia inedita, inquietante”, si legge sul Corriere della Sera, che fa notare che anche l’angelo è rappresentato con una fascia tra i capelli: questo elemento comune della fascetta è il tratto che unisce gli oggetti ritrovati al Verano al caso Orlandi. Subito dopo la scomparsa, Roma fu tappezzata dalla foto di Emanuela, che indossa una fascetta tra i capelli. Ma quella statua va davvero letta come un rimando diretto alla storia di Emanuela Orlandi o si tratta semplicemente di suggestioni? Ecco le teorie sugli oggetti ritrovati.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure