Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Natale, il virologo Pregliasco avverte gli Italiani: cosa succederà al cenone

Natale, il virologo Pregliasco avverte gli italiani: cosa succederà al cenone – A giudicare dagli ultimi dati, il Covid sembra aver rialzato la testa. Da qui il timore degli esperti per i soggetti “fragili”, gli anziani e i bambini. Sull’incremento dei casi da Coronavirus è intervenuto in queste ore il professor Fabrizio Pregliasco, noto virologo dell’Università Statale di Milano, che in un’intervista a «Adnkronos Salute» ha dato alcuni consigli agli Italiani sui comportamenti da tenere durante le feste per evitare il contagio. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Covid, Galli lancia l’allarme: non è finita

Leggi anche: Covid, nuova epidemia in arrivo: la previsione degli esperti

Natale, il virologo Pregliasco avverte gli Italiani sul Covid: cosa succederà al cenone

Aumentano i ricoveri per Covid negli ospedali e, al contempo, sono in crescita i casi di influenza stagionale, specie elle regioni del Centro Italia che sono quelle con l’incidenza più alta (Abruzzo, Lazio e Umbria). A ciò si accompagna uno scarso numero di soggetti che hanno scelto di vaccinarsi. E proprio la mancata adesione degli Italiani mette in allarme gli esperti. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Lutto nel mondo del calcio italiano: è morto Beppe

Leggi anche: Terribile scossa di terremoto di magnitudo 6.2: centinaia di morti e feriti

Covid, picco a Natale: i consigli di Pregliasco

Occorre fare il tampone prima di sedersi a tavola a Natale? “Sicuramente farlo aiuta, a prescindere dalla presenza o meno di sintomi, e sicuramente se si hanno disturbi respiratori”, ha dichiarato Fabrizio Pregliasco all’«Adnkronos Salute». Il virologo dell’università Statale di Milano ha poi evidenziato sul Covid: “Il tampone negativo non ‘assolve’ e non garantisce al 100%, perché resta il problema dei falsi negativi o di una positività ritardata rispetto all’esordio dell’infezione”, ma “ben venga comunque il test come contributo in più dal punto di vista della sicurezza di anziani e fragili”. Anche se, evidenzia, “cosa migliore sarebbe stata, e sarebbe, riuscire e vaccinarli”.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure