Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Natisone, cosa non torna: l’indagine degli inquirenti

Natisone indagine omicidio colposo

La Procura ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo contro ignoti sul caso dei tre ragazzi travolti dalla piena del Natisone che ha sconvolto l’Italia intera. Si tratta di una mossa fatta per riuscire a indagare con tutti gli strumenti necessari. Gli inquirenti procederanno con tutte le verifiche per capire se si sarebbe potuto agire meglio per salvare la vita a quei ragazzi, intrappolati sull’isolotto nei pressi del Ponte Romano di Premariacco, prima di essere travolto dalla corrente sotto gli occhi increduli dei passanti. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Meteo, ecco il primo assaggio d’estate: temperature fino a 40 gradi

Leggi anche: Gli eredi di Berlusconi reclamano la villa di Arcore? L’indiscrezione sullo “sfratto” di Marta Fascina

Tragedia nel Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo

Tragedia nel Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo

Il Procuratore Massimo Lia ha spiegato perché la scelta dell’inchiesta durante una conferenza stampa. “In queste vicende, per procedere bisogna configurare responsabilità di tipo omissivo, non commissivo”, ha fatto sapere. “Condurremo tutti gli accertamenti del caso per accertare se i soccorsi sono stati tempestivi. Mi preme, però, segnalare che, allo stato attuale, non ci sono elementi specifici che ci fanno andare in questa direzione, ma le verifiche sono in fase iniziale”, ha precisato il procuratore. Lia poi, ha rivelato qualche dettaglio a proposito di cos’è successo ai ragazzi lo scorso 31 maggio. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Viene dichiarata morta in casa di riposo, poi accade l’impensabile al funerale

Leggi anche: La star della serie “Bridgerton” fa coming out: l’annuncio

La chiamata ai soccorsi

I ragazzi hanno chiamato i soccorsi. “Patrizia Cormos ha fatto quattro telefonate al numero unico di emergenza 112, l’ultima delle quali senza risposta. La prima chiamata è delle 13.29, le altre nei minuti immediatamente successivi. Dai primi accertamenti, tutto si è svolto in un arco temporale che si può quantificare grossolanamente in mezz’ora. Da una situazione di apparente tranquillità, quel tumultuoso scorrere del fiume Natisone che poi li ha travolti”, riporta le parole del procuratore Libero Quotidiano. Ora gli inquirenti dovranno proseguire con l’indagine per capire se il sistema di soccorso sarebbe potuto essere più efficiente. Intanto, la madre di Patrizia, una delle vittime, ha esposto le sue perplessità sulla vicenda.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure