Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Parmigiano Reggiano, la terribile notizia per gli italiani: questa non ci voleva

Parmigiano Reggiano, la terribile notizia per gli italiani: questa non ci voleva

Una terribile notizia sconvolge gli italiani. Riguarda il Parmigiano Reggiano, uno dei migliori prodotti DOP del nostro paese. Questa, però, non ci voleva proprio. Un altro duro colpo all’economia e alla produzione della nostra nazione. Ma anche un duro colpo per gli italiani: adesso come faranno? In questo articolo vi spieghiamo nei dettagli tutto quello che sta succedendo. (Continua dopo la foto…)

Riscaldamenti, Italia divisa in sei zone: tutti i dettagli

Tutte le curiosità sul Parmigiano Reggiano

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio a pasta dura DOP della famiglia dei grana, prodotto con latte vaccino crudo, parzialmente scremato per affioramento, senza l’aggiunta di additivi. Viene prodotto principalmente tra le provincie di Reggio Emilia, Modena, Parma e Bologna, a sinistra del fiume Reno e a destra del Po. È il terzo formaggio italiano per produzione dopo il Grana Padano e il Gorgonzola.

Le origini risalgono al XII secolo. Giovanni Boccaccio, però, nel Decameron spiega che già attorno al 1200-1300 il Parmigiano Reggiano aveva raggiunto caratteristiche del tipo moderno. Di conseguenza le sue origini potrebbero risalire a diversi secoli prima. Fonti certe citano il Parmigiano Reggiano nel XII secolo come legato ai grandi monasteri e ai castelli dove comparvero i primi caseifici che producevano questo tipo di formaggio. Attualmente gran parte della produzione del Parmigiano Reggiano avviene con latte prodotto da vacche frisone, introdotte nel territorio nel corso del Novecento. Si tratta di un prodotto a denominazione di origine protetta (D.O.P.), secondo il Regolamento (CEE) N. 2081/92 e il riconoscimento dei Reg. (CE) N. 1107/96 e Reg. (UE) 1151/12. Solo il formaggio prodotto secondo le regole raccolte nel Disciplinare di produzione può fregiarsi del marchio Parmigiano-Reggiano. (Continua dopo la foto…)

7200€ subito sul conto per queste famiglie, anche senza ISEE: la splendida notizia

La terribile notizia per gli italiani

A causa dei rincari di luce e gas, dovuti anche alla guerra in Ucraina, molte aziende stanno bloccando o fermando parzialmente la produzione. Molti ingredienti rischiano di non arrivare sulla nostra tavola, come il pane artigianale. Adesso, però, l’allarme è stato lanciato anche per il Parmigiano Reggiano. Il presidente della sezione lattiero-casearia di Confagricolutra Emilia Romagna, Roberto Gelfi, ha dichiarato: “Si rischia di non produrre i quantitativi di latte richiesti, per la trasformazione in formaggio Parmigiano Reggiano, dalla programmazione 2023-2024 del Consorzio“. A causa dei rincari, dunque, l’allevatore potrebbe decidere di ridurre il numero di capi e, di conseguenza, la produzione complessiva di latte.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure